01.2017

In Newsletter ,

 

NUOVE INTERPRETAZIONI DELL’ARTICOLI 32 TRE TER E TRE QUATER DELLA LEGGE N. 27/2012: LA CORTE COSTITUZIONALE A CONFRONTO CON LA PRASSI GIUDIZIARIA

 

Contrariamente a quanto si prospettava alla luce dell’Ordinanza n. 242/2015 dimessa dalla Corte Costituzionale (v. Newsletter n. 11/2015), non puo` certamente dirsi sopito il dibattito in merito all’interpretazione da dare all’articolo 32, commi 3 ter e 3 quater, della legge n. 27/2012, norma che, come noto, si riferisce al necessario accertamento strumentale o visivo per il risarcimento del danno biologico.

Ebbene, se la Consulta a suo tempo nel sancire la legittimita` costituzionale dell’art. 139 del Codice delle Assicurazioni Private, aveva proclamato la necessita` di ottenere un riscontro strumentale per il riconoscimento di un danno biologico di natura permanente, ritenendo sufficiente un accertamento solo visivo, pur a seguito di riscontro medico legale, per i pregiudizi di carattere temporaneo, recentemente la Suprema Corte ha fornito un’interpretazione della normativa affatto differente.

Infatti, nella sentenza n. 18773 del 26 settembre 2016, che riguardava un caso in cui era stato negato il risarcimento delle lesioni personali subite perche´ non accertate visivamente o strumentalmente, si afferma che il citato comma 3-quater dell’art. 32, cosi` come il precedente comma 3-ter, sono da leggere in correlazione alla necessita` (da sempre viva in siffatto specifico ambito risarcitorio), predicata dagli artt. 138 e 139 cod. ass., (che, a tal riguardo, hanno recepito quanto gia` presente nel “diritto vivente”), che il danno biologico sia “suscettibile di accertamento medico-legale”, esplicando entrambe le norme (senza differenze sostanziali tra loro) i criteri scientifici di accertamento e valutazione del danno biologico tipici della medicina–legale (ossia il visivo-clinico-strumentale, non gerarchicamente ordinati tra loro, ne´ unitariamente intesi, ma da utilizzarsi secondo le leges artis), siccome conducenti ad una “obiettivita`” dell’accertamento stesso, che riguardi sia le lesioni che i relativi postumi (se esistenti).

La decisione, assolutamente di rilievo, e` stata oggetto di riflessione non solo da parte degli operatori del diritto ma anche, forse soprattutto, da parte dei medici legali che si trovano a dover dare quotidianamente concreta applicazione alla legge n. 27/2012. Parte di questa categoria ha sostenuto che il principio espresso dalla Suprema Corte faccia riferimento ai criteri scientifici di accertamento e valutazione del danno biologico tipici della medicina legale (ossia il visivo-clinico-strumentale, non gerarchicamente ordinati tra loro ne´ unitariamente intesi, da utilizzarsi secondo le Leges Artis) che realizzano un accertamento obiettivo sia delle lesioni sia dei relativi postumi.

In altri termini, si sarebbe finalmente fornita alla norma un’interpretazione scientifica, evitando che altrimenti il danneggiato si trovi nella situazione di non essere capace di dare prova del danno subito, considerato anche il fatto che la prova della lesione effettiva e` destinata a scomparire nel tempo al realizzarsi dei postumi e che per determinati disturbi non e` possibile apprezzare il riscontro strumentale.

Il tutto fermo restando che, sempre secondo il pensiero di parte della categoria dei medici legali, il comma 3-ter della normativa si esprime in termini di suscettibilita` di riscontro clinico strumentale obiettivo, risultato che ben potrebbe ottenersi integrando il riscontro clinico obiettivo con riscontri strumentali di tipo indiretto, ed ovviamente tenuto conto di tutti gli elementi attinenti allo studio del nesso di causa.

Alle considerazioni della categoria dei medici legali vanno sicuramente accostate anche quelle recentissime (e, peraltro, assolutamente conformi) contenute in una decisione del Tribunale di Padova, (n. 2892/2016 del 20 ottobre 2016).

Nella sentenza si afferma che:

sia il comma 3-quater sia il comma 3-ter dell’art. 32 della legge n. 27/2012 richiedono ai fini del risarcimento che le lesioni siano suscettibili di accertamento medico-legale, non essendovi infatti alcuna plausibile ragione per cui un limite alla risarcibilita` delle conseguenze della lesione del bene salute debba operare solo per i postumi permanenti e non per l’invalidita` temporanea. Opinando diversamente – continua il Tribunale – si dovrebbe affermare che un pregiudizio di carattere stabilizzato incontri maggiori limiti di risarcibilita` rispetto ad un pregiudizio di natura meramente temporanea, il che non appare correttamente ipotizzabile e che vi sono malattie che si rilevano solo con alterazioni strumentali e a patologie (quali ad esempio i disturbi psico-reattivi) che non sono dimostrabili strumentalmente ma solo ricorrendo ad un esame clinico,

conclusivamente ritenendo che l’accertamento strumentale puo` essere decisivo nei casi di dubbia interpretazione ai fini del riconoscimento della lesione biologica, ma che in ogni caso puo` comunque essere ritenuto sufficiente anche un dato clinico obiettivo, purche´ scientificamente compatibile e adeguatamente connesso all’evento lesivo.

Chiaro e` che, cosi` operando, il Tribunale e` giunto ad interpretazioni opposte rispetto a quelle a suo tempo fornite dalla Consulta tanto nella sentenza n. 235/2014, quanto nell’ordinanza n. 242 del 2015, ma la circostanza non e` idonea a mutarne il pensiero poiche´ il primo dei provvedimenti, laddove afferma che l’accertamento strumentale condizionerebbe la risarcibilita` delle lesioni permanenti di lieve entita`, null’altro costituisca se non un mero obiter dictum, altro essendo l’oggetto del giudizio di legittimita` (ossia la verifica della tenuta costituzionale dell’art. 139 del Codice delle Assicurazioni Private), mentre il secondo non impedisce comunque ai giudici comuni di discostarsi dall’interpretazione della Corte purche´ la norma venga applicata in senso conforme al parametro costituzionale.

Cosi` stando le cose, appare chiara la quanto mai accesa discussione su questa tematica, discussione che pero` non puo` risolversi nel senso di escludere ogni rilevanza dell’accertamento strumentale nel giudizio relativo alla risarcibilita` di una lesione, trattandosi comunque di un accertamento prescritto, pur in maniera alquanto confusa, in un testo normativo e la circostanza, nel nostro ordinamento, non puo` certamente essere ignorata.

 

 
 

0 Commenti aggiunti

Lascia un messaggio

Lascia un messaggio. Tutti i campi contrassegnati con * sono obbligatori.




  • file

  • Privacy

    La presente informativa ha lo scopo di definire la gestione della privacy in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti del sito studiolocatelli.it / studiolocatelli.eu sia per coloro che vogliono fruire dei servizi per i quali è necessaria la registrazione sia per coloro che non intendano registrarsi.
    Tale informativa è conforme a quanto prescritto dall’art. 13 del D. Lgs 196/03 – Codice in materia di protezione dei dati personali da Lorenzo Locatelli in qualità del Titolare del trattamento dei dati personali.
    Lorenzo Locatelli è tenuto a fornire ai propri utenti alcune specifiche informazioni in merito alle modalità e finalità di utilizzo dei dati personali degli utenti.
    Qualora agli utenti sia richiesto, per l’accesso a determinati servizi, di lasciare i propri dati personali, sarà previamente rilasciata, nelle pagine relative ai singoli servizi, apposita e dettagliata Informativa sul relativo trattamento ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs 196/03 che ne specificherà limiti, finalità e modalità.

     

    Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento

     

    1) Dati di navigazione

    I sistemi informatici e i software preposti al funzionamento di questo sito acquisiscono automaticamente, nel normale esercizio, alcune informazioni provenienti dal browser utilizzato che vengono poi trasmesse implicitamente nell’uso dei protocolli di comunicazione Internet.
    Si tratta di informazioni che per loro natura potrebbero, mediante associazioni ed elaborazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare il browser dell’utente (ad es. indirizzo IP, nomi di domini dei computer utilizzati dagli utenti che si collegano al sito).
    Questi dati vengono utilizzati esclusivamente per ricavare informazioni di tipo statistico (quindi sono aggregati in forma anonima) e per controllare il corretto funzionamento del sito.

     

    2) Dati di registrazione

    Qualora l’utente desideri accedere ai servizi offerti dal nostro sito dovrà procedere alla registrazione, fornendo alcuni dati personali necessari all’erogazione del servizio richiesto. Tali dati verranno registrati e conservati su appositi supporti elettronici protetti e trattati con adeguate misure di sicurezza in conformità al d.lgs. 196/2003. Al momento della registrazione verrà rilasciata apposita e dettagliata Informativa sul relativo trattamento ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs 196/03 che ne specificherà limiti, finalità e modalità.

     

    3) Cookie

    Quando l’utente accederà al sito studiolocatelli.it / studiolocatelli.eu riceverà sul suo computer uno o più «cookie» (un file di testo contenente una stringa di caratteri) che identificano in modo univoco il suo browser.
    Per una completa fruizione del presente sito, si consiglia di configurare il browser in modo che accetti la ricezione dei cookie.
    I cookie utilizzati in questo sito sono sia persistenti (rimangono cioè memorizzati, fino alla loro scadenza, sul disco rigido del personal computer dell’utente/visitatore) che di sessione (non vengono cioè memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente/visitatore e svaniscono con la chiusura del browser).
    I Cookie persistenti vengono utilizzati al solo scopo di agevolare la navigazione all’interno del sito e la sua corretta fruizione, nonché a fini statistici, per conoscere quali aree del sito sono state visitate.
    I cookie di sessione sono utilizzati al fine di trasmettere gli identificativi di sessione necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Inoltre i cookie sono utilizzati per migliorare la qualità del nostro servizio, nonché per monitorare i percorsi di navigazione, le pagine visitate.
    A tale scopo, quando un utente accede al sito studiolocatelli.it / studiolocatelli.eu può analizzare in automatico, la navigazione e le relative sezioni/pagine web visitate mediante i cookies inviati sul PC dell’ utente anche servendosi di software di fornitori terzi quali Analog , Google Analytics o Web Analytics, L’utilizzo di tali cookies avviene per le finalità precedentemente elencate e non cedute a terzi se non esplicitamente indicato.

     

    4) Modalità del trattamento

    ll trattamento viene attuato attraverso strumenti elettronici automatizzati e/o manualmente per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia.

     

    5) Titolare del trattamento

    Il Titolare del trattamento è lo Studio Locatelli nella persona di Lorenzo Locatelli

     

    Diritti degli utenti

     

    Il conferimento dei dati è facoltativo, salvo per quelli indicati come obbligatori per poterle permettere di accedere ai servizi offerti. Lei ha diritto di conoscere, in ogni momento, quali sono i Suoi dati e come essi vengono utilizzati. Ha anche il diritto di farli aggiornare, integrare, rettificare o cancellare, chiederne il blocco ed opporsi al loro trattamento. Ricordiamo che questi diritti sono previsti dal Art.7 del D. Lgs 196/2003. L'esercizio dei diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs 196/03 potrà effettuarsi attraverso specifica comunicazione a mezzo posta indirizzata alla medesima Società.

     

    Modifiche alla privacy policy

     

    La presente privacy policy può subire modifiche nel tempo – anche collegate all'eventuale entrata in vigore di nuove normative di settore, all'aggiornamento o all’erogazione di nuovi servizi ovvero ad intervenute innovazioni tecnologiche – per cui l’utente è invitato a consultare periodicamente questa pagina.

     

Privacy

La presente informativa ha lo scopo di definire la gestione della privacy in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti del sito studiolocatelli.it / studiolocatelli.eu sia per coloro che vogliono fruire dei servizi per i quali è necessaria la registrazione sia per coloro che non intendano registrarsi.
Tale informativa è conforme a quanto prescritto dall’art. 13 del D. Lgs 196/03 – Codice in materia di protezione dei dati personali da Lorenzo Locatelli in qualità del Titolare del trattamento dei dati personali.
Lorenzo Locatelli è tenuto a fornire ai propri utenti alcune specifiche informazioni in merito alle modalità e finalità di utilizzo dei dati personali degli utenti.
Qualora agli utenti sia richiesto, per l’accesso a determinati servizi, di lasciare i propri dati personali, sarà previamente rilasciata, nelle pagine relative ai singoli servizi, apposita e dettagliata Informativa sul relativo trattamento ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs 196/03 che ne specificherà limiti, finalità e modalità.

 

Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento

 

1) Dati di navigazione

I sistemi informatici e i software preposti al funzionamento di questo sito acquisiscono automaticamente, nel normale esercizio, alcune informazioni provenienti dal browser utilizzato che vengono poi trasmesse implicitamente nell’uso dei protocolli di comunicazione Internet.
Si tratta di informazioni che per loro natura potrebbero, mediante associazioni ed elaborazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare il browser dell’utente (ad es. indirizzo IP, nomi di domini dei computer utilizzati dagli utenti che si collegano al sito).
Questi dati vengono utilizzati esclusivamente per ricavare informazioni di tipo statistico (quindi sono aggregati in forma anonima) e per controllare il corretto funzionamento del sito.

 

2) Dati di registrazione

Qualora l’utente desideri accedere ai servizi offerti dal nostro sito dovrà procedere alla registrazione, fornendo alcuni dati personali necessari all’erogazione del servizio richiesto. Tali dati verranno registrati e conservati su appositi supporti elettronici protetti e trattati con adeguate misure di sicurezza in conformità al d.lgs. 196/2003. Al momento della registrazione verrà rilasciata apposita e dettagliata Informativa sul relativo trattamento ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs 196/03 che ne specificherà limiti, finalità e modalità.

 

3) Cookie

Quando l’utente accederà al sito studiolocatelli.it / studiolocatelli.eu riceverà sul suo computer uno o più «cookie» (un file di testo contenente una stringa di caratteri) che identificano in modo univoco il suo browser.
Per una completa fruizione del presente sito, si consiglia di configurare il browser in modo che accetti la ricezione dei cookie.
I cookie utilizzati in questo sito sono sia persistenti (rimangono cioè memorizzati, fino alla loro scadenza, sul disco rigido del personal computer dell’utente/visitatore) che di sessione (non vengono cioè memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente/visitatore e svaniscono con la chiusura del browser).
I Cookie persistenti vengono utilizzati al solo scopo di agevolare la navigazione all’interno del sito e la sua corretta fruizione, nonché a fini statistici, per conoscere quali aree del sito sono state visitate.
I cookie di sessione sono utilizzati al fine di trasmettere gli identificativi di sessione necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Inoltre i cookie sono utilizzati per migliorare la qualità del nostro servizio, nonché per monitorare i percorsi di navigazione, le pagine visitate.
A tale scopo, quando un utente accede al sito studiolocatelli.it / studiolocatelli.eu può analizzare in automatico, la navigazione e le relative sezioni/pagine web visitate mediante i cookies inviati sul PC dell’ utente anche servendosi di software di fornitori terzi quali Analog , Google Analytics o Web Analytics, L’utilizzo di tali cookies avviene per le finalità precedentemente elencate e non cedute a terzi se non esplicitamente indicato.

 

4) Modalità del trattamento

ll trattamento viene attuato attraverso strumenti elettronici automatizzati e/o manualmente per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia.

 

5) Titolare del trattamento

Il Titolare del trattamento è lo Studio Locatelli nella persona di Lorenzo Locatelli

 

Diritti degli utenti

 

Il conferimento dei dati è facoltativo, salvo per quelli indicati come obbligatori per poterle permettere di accedere ai servizi offerti. Lei ha diritto di conoscere, in ogni momento, quali sono i Suoi dati e come essi vengono utilizzati. Ha anche il diritto di farli aggiornare, integrare, rettificare o cancellare, chiederne il blocco ed opporsi al loro trattamento. Ricordiamo che questi diritti sono previsti dal Art.7 del D. Lgs 196/2003. L'esercizio dei diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs 196/03 potrà effettuarsi attraverso specifica comunicazione a mezzo posta indirizzata alla medesima Società.

 

Modifiche alla privacy policy

 

La presente privacy policy può subire modifiche nel tempo – anche collegate all'eventuale entrata in vigore di nuove normative di settore, all'aggiornamento o all’erogazione di nuovi servizi ovvero ad intervenute innovazioni tecnologiche – per cui l’utente è invitato a consultare periodicamente questa pagina.

Per offrirti il miglior servizio possibile Studio Legale Locatelli utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.  -   Normativa sui cookie  -   Autorizzo