04.2014

In Newsletter ,

 

RISARCIMENTO DANNO NON PATRIMONIALE – DANNO ALLA VITA SESSUALE – CONVIVENTE MORE UXORIO.

Trib. Verona, sez. III civ. 26 settembre 2013 – Giudice Vaccari.

Con la decisione in esame il Tribunale di Verona approfondisce un tema degno di nota, intimamente collegato alla ben nota nozione di danno non patrimoniale statuite dalle Sentenze Gemelle del 2008. In particolare, la Corte di merito si chiede se il diritto alla vita sessuale assurga al rango di posizione giuridicamente tutelata all’interno del rapporto coniugale e se la stessa sia estensibile anche al rapporto di convivenza more uxorio (che e` proprio il caso posto all’attenzione del Tribunale veronese), richiamando a tal fine: i molteplici arresti giurisprudenziali che ebbero ad esprimersi in tema di liberta` sessuale dell’individuo, bene giuridicamente protetto inquadrato tra i diritti inviolabili della persona che l’art. 2 della Costituzione impone di garantire ancora nel lontano 1987; b) l’assimilazione tra stabile convivenza more uxorio e matrimonio alla quale e` giunta la giurisprudenza di legittimita` negli ultimi anni conclusivamente affermando come “anche dal rapporto di convivenza derivano obblighi analoghi a quelli derivanti dal matrimonio, tra i quali non si vede perche´ non possa essere incluso quello di fedelta`, e` agevole comprendere come anche il convivente di colui che abbia subito una lesione agli organi sessuali, comportante una significativa limitazione della propria vita sessuale, possa patire questa stessa conseguenza”. La sentenza inoltre si segnala perche´ respinge la richiesta istruttoria di ctu medico legale avanzata da parte convenuta, sulla base del rilievo che: “alla formulazione di un giudizio di responsabilita` nei riguardi dei sanitari che operarono la X nelle circostanze sopra descritte puo` giungersi sulla base della considerazione che alle puntuali valutazioni del ct di parte attrice la convenuta non ha contrapposto ne´ una propria ct di parte ne´ della documentazione di carattere scientifico che potessero supportare il suo assunto secondo cui l'evento riferito dall'attore sarebbe stata una ordinaria complicanza. A ben vedere poi il convenuto, nell'articolare tale difesa, non si e` fatto carico di spiegare come potesse conciliarsi con essa il particolare, opportunamente evidenziato nella relazione del ct di parte, che in questo caso le fistole furono due. Tale circostanza infatti e` sufficientemente indicativa, in difetto di una valida spiegazione alternativa, della sussistenza dei profili di colpa evidenziati dal c.t. di parte attrice nel comportamento dei sanitari che operarono la donna. In mancanza di risultanze di carattere tecnico scientifico ed anche fattuali favorevoli al convenuto non puo` poi darsi ingresso alla ctu dallo stesso richiesta che quindi ha carattere eminentemente esplorativo”.

 

DANNO DA PERDITA DI CHANCE DI SOPRAVVIVENZA – LIQUIDAZIONE DELLA CHANCE A FAVORE DELLA MADRE E DEI FRATELLI.

Trib. Reggio Emilia, 27 febbraio 2014 - Giudice Morlini.

Una recente sentenza del Tribunale di Reggio Emilia riconosce il danno da perdita di chance di sopravvivenza alla madre ed ai fratelli della vittima cardiopatica, la quale non era stata tempestivamente sottoposta ad un intervento adeguato (nel caso di specie, impianto di devices ICD+CRT). L’impianto di tale presidio - secondo la ctu - non avrebbe ne´ con certezza, ne´ con il criterio del ‘piu` probabile che non’, impedito l’evento morte, e cio` anche in considerazione della molteplicita` delle alterazioni aritmiche della donna; tuttavia si e` accertato che la corretta prestazione medica avrebbe “significativamente” ridotto il rischio morte.  Per questa ragione, l’organo giudicante – dopo aver ribadito i noti principi in tema di risarcimento del danno da perdita di chance – liquida il danno ai congiunti in via equitativa, tenendo conto dell’eta` della vittima (47 anni) al momento del decesso, nonche´ della complessiva e precaria situazione di salute della stessa; conseguentemente – prendendo a base i parametri minimi del Tribunale di Milano (importo di € 163.000 per la perdita di un figlio ed € 23.600 per la perdita di un fratello) – viene riconosciuta la somma di € 60.000,00 alla madre, nonche´ la somma di € 10.000,00 a ciascuno dei fratelli della vittima.

 

NESSO CAUSALE – ACCERTAMENTO PROBATORIO – DIVERSITA` CON I GIUDIZI DI PROBABILITA` LOGICA.

Cass. Pen., Sez. IV, 27 febbraio 2014, n. 9695, Pres. Brusco – Rel. Iannello

Con la decisione in esame la Corte di Cassazione torna ad esprimersi in tema non gia` di nesso causale in se´ e per se´ ma di accertamento probatorio dello stesso osservando come ai fini della prova giudiziaria della causalita` non sia decisivo il coefficiente percentuale piu` o meno elevato di probabilita` frequentistica desumibile dalla legge di copertura utilizzata ma il poter ragionevolmente confidare nel fatto che detta legge statistica trovi applicazione anche nel caso concreto oggetto di giudizio, stante l’alta probabilita` logica che siano da escludere fattori causali alternativi. Ragionando in tali termini, sempre secondo la prospettiva assunta dalla Corte di legittimita`, al concetto di probabilita` logica andrebbe riconosciuto il carattere fondamentale non gia` di ricercare la determinazione quantitativa delle frequenze relative di classi di eventi, ma di razionalizzare l’incertezza relativa all’ipotesi su un fatto riconducendone il grado di fondatezza all’ambito degli elementi di conferma (o di prova) disponibili in relazione a quell’ipotesi. In buona sostanza, nel ribadire il ragionamento promosso dall’ormai famosa Sentenza Franzese inerente la necessita` di un elevato grado di credibilita` razionale, la Corte osserva come con riferimento al grado di inferenza probatoria non possa cristallizzarsi il ragionamento in precise entita` numeriche date dall’utilizzo delle leggi statistiche di copertura, ma debba essere operata una valutazione caso per caso che tenga conto dunque delle singole circostanze concrete. Con tale decisione, dunque, viene sottolineata la necessita` di calare le proprie considerazioni all’interno del singolo caso concreto, prescindendo da ogni valutazione prettamente numerica, dovere, per verita`, gia` contenuto nella pronuncia delle S.U. del 2002 e che, quindi, si pone a conferma di un orientamento giurisprudenziale ormai costante sul punto.

 

INVALIDITA` PERMANENTE E RIDUZIONE DELLA CAPACITA` LAVORATIVA SPECIFICA

Cass. civ., sez. III, 14 novembre 2013, n. 25634 – Pres. Finocchiaro – Rel. Massera

Con la sentenza n. 25634 del 14 novembre 2013, la Corte di Cassazione ribadisce il principio secondo cui il grado di invalidita` permanente determinato da una lesione all’integrita` psico- fisica non si riflette automaticamente, ne´ tanto meno nella stessa misura, sulla riduzione percentuale della capacita` lavorativa specifica e, quindi, di guadagno della stessa (nello stesso senso Cass. civ. n. 17514/2011). La Cassazione, specificando ulteriormente tale concetto, afferma poi che nei casi in cui l’elevata percentuale di invalidita` permanente rende altamente probabile, se non addirittura certa, la menomazione della capacita` lavorativa specifica e il danno che necessariamente da essa consegue, il Giudice puo` procedere all’accertamento presuntivo della predetta perdita patrimoniale, liquidando tale voce di danno con criteri equitativi. In ogni caso si potra` ricorrere alla prova presuntiva soltanto nel caso in cui si puo` ritenere ragionevolmente probabile che il danneggiato percepira` in futuro un reddito inferiore a quello che avrebbe altrimenti conseguito in assenza dell’infortunio.

 

RESPONSABILITA` MEDICA – DOVERE DI INFORMAZIONE - INADEMPIMENTO QUALIFICATO – INFORMAZIONE GENERICA – INADEGUATEZZA. Cass. civ., sez. III, 24 ottobre 2013, n. 24109 – Pres. Uccella – Rel. Carleo

Con la sentenza n. 24109 del 2013, la Corte di Cassazione torna ad esprimersi in merito al dovere di informazione e di avviso posto a carico dei sanitari, affermando il principio secondo cui costituisce inadempimento qualificato del sanitario l’omessa o inesatta informazione sui profili di incertezza circa la non definitivita` di un intervento di sterilizzazione. Secondo la Cassazione, infatti, la peculiarita` dell’intervento comporta che il medico sia tenuto, proprio in ragione dello specifico e particolare obiettivo perseguito dalla paziente, ossia quello di evitare nuove gravidanze, a fornire informazioni non meramente generiche, al fine di consentire alla paziente di adottare le opportune misure e di effettuare gli utili accertamenti e controlli clinici atti ad impedire ulteriori gravidanze non volute.

 

RESPONSABILITA` MEDICA – ONERE PROBATORIO – NESSO CAUSALE – ESCLUSIONE.

Cass. civ., sez. III, 31 gennaio 2014, n. 2185 - Pres. Petti – Rel. Cirillo

Con la pronuncia in esame la Suprema Corte, pur ribadendo il principio secondo il quale, in tema di responsabilita` contrattuale del medico nei confronti del paziente, quest’ultimo ha l’esclusivo onere di dedurre un qualificato inadempimento, restando a carico del debitore l’onere di dimostrare l’insussistenza dell’allegata inadempienza o del fatto che, pur essendovi stato un inadempimento, esso non abbia avuto alcuna incidenza causale nella determinazione del danno, ha precisato che, tuttavia, tale regola non trova applicazione nelle ipotesi in cui il giudice di merito sia pervenuto ad una ricostruzione del fatto che escluda, in termini di nesso di causalita`, ogni collegamento tra il comportamento colposo dei sanitari e l’evento di danno. In altri termini, e` sufficiente, per il rigetto della domanda risarcitoria, che il giudice di merito sia giunto ad un accertamento di fatto che escluda la sussistenza del nesso eziologico, e cio` anche laddove tale accertamento di fatto – indicato quale preciso compito del giudice di merito – sia avvenuto mediante l’ausilio di consulenti tecnici quando, per la complessita` della vicenda, non e` pensabile che il giudice prescinda dall’apporto dato dalle specifiche conoscenze tecniche dei consulenti d’ufficio. In tali casi, peraltro, non risulta necessario, per lo stesso giudice di merito, dare ulteriormente conto del perche´ le conclusioni dei c.t.u. siano state recepite.

 

 
 

0 Commenti aggiunti

Lascia un messaggio

Lascia un messaggio. Tutti i campi contrassegnati con * sono obbligatori.




  • file

  • Privacy

    La presente informativa ha lo scopo di definire la gestione della privacy in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti del sito studiolocatelli.it / studiolocatelli.eu sia per coloro che vogliono fruire dei servizi per i quali è necessaria la registrazione sia per coloro che non intendano registrarsi.
    Tale informativa è conforme a quanto prescritto dall’art. 13 del D. Lgs 196/03 – Codice in materia di protezione dei dati personali da Lorenzo Locatelli in qualità del Titolare del trattamento dei dati personali.
    Lorenzo Locatelli è tenuto a fornire ai propri utenti alcune specifiche informazioni in merito alle modalità e finalità di utilizzo dei dati personali degli utenti.
    Qualora agli utenti sia richiesto, per l’accesso a determinati servizi, di lasciare i propri dati personali, sarà previamente rilasciata, nelle pagine relative ai singoli servizi, apposita e dettagliata Informativa sul relativo trattamento ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs 196/03 che ne specificherà limiti, finalità e modalità.

     

    Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento

     

    1) Dati di navigazione

    I sistemi informatici e i software preposti al funzionamento di questo sito acquisiscono automaticamente, nel normale esercizio, alcune informazioni provenienti dal browser utilizzato che vengono poi trasmesse implicitamente nell’uso dei protocolli di comunicazione Internet.
    Si tratta di informazioni che per loro natura potrebbero, mediante associazioni ed elaborazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare il browser dell’utente (ad es. indirizzo IP, nomi di domini dei computer utilizzati dagli utenti che si collegano al sito).
    Questi dati vengono utilizzati esclusivamente per ricavare informazioni di tipo statistico (quindi sono aggregati in forma anonima) e per controllare il corretto funzionamento del sito.

     

    2) Dati di registrazione

    Qualora l’utente desideri accedere ai servizi offerti dal nostro sito dovrà procedere alla registrazione, fornendo alcuni dati personali necessari all’erogazione del servizio richiesto. Tali dati verranno registrati e conservati su appositi supporti elettronici protetti e trattati con adeguate misure di sicurezza in conformità al d.lgs. 196/2003. Al momento della registrazione verrà rilasciata apposita e dettagliata Informativa sul relativo trattamento ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs 196/03 che ne specificherà limiti, finalità e modalità.

     

    3) Cookie

    Quando l’utente accederà al sito studiolocatelli.it / studiolocatelli.eu riceverà sul suo computer uno o più «cookie» (un file di testo contenente una stringa di caratteri) che identificano in modo univoco il suo browser.
    Per una completa fruizione del presente sito, si consiglia di configurare il browser in modo che accetti la ricezione dei cookie.
    I cookie utilizzati in questo sito sono sia persistenti (rimangono cioè memorizzati, fino alla loro scadenza, sul disco rigido del personal computer dell’utente/visitatore) che di sessione (non vengono cioè memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente/visitatore e svaniscono con la chiusura del browser).
    I Cookie persistenti vengono utilizzati al solo scopo di agevolare la navigazione all’interno del sito e la sua corretta fruizione, nonché a fini statistici, per conoscere quali aree del sito sono state visitate.
    I cookie di sessione sono utilizzati al fine di trasmettere gli identificativi di sessione necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Inoltre i cookie sono utilizzati per migliorare la qualità del nostro servizio, nonché per monitorare i percorsi di navigazione, le pagine visitate.
    A tale scopo, quando un utente accede al sito studiolocatelli.it / studiolocatelli.eu può analizzare in automatico, la navigazione e le relative sezioni/pagine web visitate mediante i cookies inviati sul PC dell’ utente anche servendosi di software di fornitori terzi quali Analog , Google Analytics o Web Analytics, L’utilizzo di tali cookies avviene per le finalità precedentemente elencate e non cedute a terzi se non esplicitamente indicato.

     

    4) Modalità del trattamento

    ll trattamento viene attuato attraverso strumenti elettronici automatizzati e/o manualmente per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia.

     

    5) Titolare del trattamento

    Il Titolare del trattamento è lo Studio Locatelli nella persona di Lorenzo Locatelli

     

    Diritti degli utenti

     

    Il conferimento dei dati è facoltativo, salvo per quelli indicati come obbligatori per poterle permettere di accedere ai servizi offerti. Lei ha diritto di conoscere, in ogni momento, quali sono i Suoi dati e come essi vengono utilizzati. Ha anche il diritto di farli aggiornare, integrare, rettificare o cancellare, chiederne il blocco ed opporsi al loro trattamento. Ricordiamo che questi diritti sono previsti dal Art.7 del D. Lgs 196/2003. L'esercizio dei diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs 196/03 potrà effettuarsi attraverso specifica comunicazione a mezzo posta indirizzata alla medesima Società.

     

    Modifiche alla privacy policy

     

    La presente privacy policy può subire modifiche nel tempo – anche collegate all'eventuale entrata in vigore di nuove normative di settore, all'aggiornamento o all’erogazione di nuovi servizi ovvero ad intervenute innovazioni tecnologiche – per cui l’utente è invitato a consultare periodicamente questa pagina.

     

Privacy

La presente informativa ha lo scopo di definire la gestione della privacy in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti del sito studiolocatelli.it / studiolocatelli.eu sia per coloro che vogliono fruire dei servizi per i quali è necessaria la registrazione sia per coloro che non intendano registrarsi.
Tale informativa è conforme a quanto prescritto dall’art. 13 del D. Lgs 196/03 – Codice in materia di protezione dei dati personali da Lorenzo Locatelli in qualità del Titolare del trattamento dei dati personali.
Lorenzo Locatelli è tenuto a fornire ai propri utenti alcune specifiche informazioni in merito alle modalità e finalità di utilizzo dei dati personali degli utenti.
Qualora agli utenti sia richiesto, per l’accesso a determinati servizi, di lasciare i propri dati personali, sarà previamente rilasciata, nelle pagine relative ai singoli servizi, apposita e dettagliata Informativa sul relativo trattamento ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs 196/03 che ne specificherà limiti, finalità e modalità.

 

Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento

 

1) Dati di navigazione

I sistemi informatici e i software preposti al funzionamento di questo sito acquisiscono automaticamente, nel normale esercizio, alcune informazioni provenienti dal browser utilizzato che vengono poi trasmesse implicitamente nell’uso dei protocolli di comunicazione Internet.
Si tratta di informazioni che per loro natura potrebbero, mediante associazioni ed elaborazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare il browser dell’utente (ad es. indirizzo IP, nomi di domini dei computer utilizzati dagli utenti che si collegano al sito).
Questi dati vengono utilizzati esclusivamente per ricavare informazioni di tipo statistico (quindi sono aggregati in forma anonima) e per controllare il corretto funzionamento del sito.

 

2) Dati di registrazione

Qualora l’utente desideri accedere ai servizi offerti dal nostro sito dovrà procedere alla registrazione, fornendo alcuni dati personali necessari all’erogazione del servizio richiesto. Tali dati verranno registrati e conservati su appositi supporti elettronici protetti e trattati con adeguate misure di sicurezza in conformità al d.lgs. 196/2003. Al momento della registrazione verrà rilasciata apposita e dettagliata Informativa sul relativo trattamento ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs 196/03 che ne specificherà limiti, finalità e modalità.

 

3) Cookie

Quando l’utente accederà al sito studiolocatelli.it / studiolocatelli.eu riceverà sul suo computer uno o più «cookie» (un file di testo contenente una stringa di caratteri) che identificano in modo univoco il suo browser.
Per una completa fruizione del presente sito, si consiglia di configurare il browser in modo che accetti la ricezione dei cookie.
I cookie utilizzati in questo sito sono sia persistenti (rimangono cioè memorizzati, fino alla loro scadenza, sul disco rigido del personal computer dell’utente/visitatore) che di sessione (non vengono cioè memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente/visitatore e svaniscono con la chiusura del browser).
I Cookie persistenti vengono utilizzati al solo scopo di agevolare la navigazione all’interno del sito e la sua corretta fruizione, nonché a fini statistici, per conoscere quali aree del sito sono state visitate.
I cookie di sessione sono utilizzati al fine di trasmettere gli identificativi di sessione necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Inoltre i cookie sono utilizzati per migliorare la qualità del nostro servizio, nonché per monitorare i percorsi di navigazione, le pagine visitate.
A tale scopo, quando un utente accede al sito studiolocatelli.it / studiolocatelli.eu può analizzare in automatico, la navigazione e le relative sezioni/pagine web visitate mediante i cookies inviati sul PC dell’ utente anche servendosi di software di fornitori terzi quali Analog , Google Analytics o Web Analytics, L’utilizzo di tali cookies avviene per le finalità precedentemente elencate e non cedute a terzi se non esplicitamente indicato.

 

4) Modalità del trattamento

ll trattamento viene attuato attraverso strumenti elettronici automatizzati e/o manualmente per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia.

 

5) Titolare del trattamento

Il Titolare del trattamento è lo Studio Locatelli nella persona di Lorenzo Locatelli

 

Diritti degli utenti

 

Il conferimento dei dati è facoltativo, salvo per quelli indicati come obbligatori per poterle permettere di accedere ai servizi offerti. Lei ha diritto di conoscere, in ogni momento, quali sono i Suoi dati e come essi vengono utilizzati. Ha anche il diritto di farli aggiornare, integrare, rettificare o cancellare, chiederne il blocco ed opporsi al loro trattamento. Ricordiamo che questi diritti sono previsti dal Art.7 del D. Lgs 196/2003. L'esercizio dei diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs 196/03 potrà effettuarsi attraverso specifica comunicazione a mezzo posta indirizzata alla medesima Società.

 

Modifiche alla privacy policy

 

La presente privacy policy può subire modifiche nel tempo – anche collegate all'eventuale entrata in vigore di nuove normative di settore, all'aggiornamento o all’erogazione di nuovi servizi ovvero ad intervenute innovazioni tecnologiche – per cui l’utente è invitato a consultare periodicamente questa pagina.

Per offrirti il miglior servizio possibile Studio Legale Locatelli utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.  -   Normativa sui cookie  -   Autorizzo