05.2020

In Newsletter ,

Claims made: quando la clausola è eccessivamente svantaggiosa per l’assicurato                                                                    

Cassazione civile, sezione III, ordinanza n. 8894 del 13 maggio 2020

 

Nell’ordinanza in oggetto la Corte si pronuncia sull’ammissibilità di una clausola claims made che preveda la copertura assicurativa dei sinistri dipendenti dalle condotte tenute in un determinato periodo, a condizione non solo che vi sia stata la richiesta di risarcimento da parte del terzo danneggiato entro quel periodo ma anche che l’assicurato, ricevuta la richiesta di risarcimento, provveda alla denuncia del sinistro entro 12 mesi dalla cessazione del contratto.

Premesso che l’inserimento nel contratto di assicurazione di una clausola siffatta mantiene inalterato il tipo negoziale, ampliandone semmai il contenuto o comportandone un adattamento all’interesse delle parti, la Corte ritiene che non sia necessaria una valutazione di meritevolezza funzionale del negozio concluso, come in caso di contratto atipico, bensì che sia sufficiente verificare se la determinazione del contenuto contrattuale sia avvenuta nei limiti di legge, ovvero ai sensi dell’art. 1322, I comma, c.c..

Secondo la prospettazione della Corte, la clausola in esame fa dipendere la prestazione dell’assicurazione non solo dall’evento dedotto in contratto, ma altresì da un ulteriore evento incerto, quale è la richiesta di risarcimento del terzo danneggiato: se quest’ultima non è tempestiva, non potrà esserlo neanche quella dell’assicurato.

Poiché tale clausola pone una decadenza a carico dell’assicurato non dipendente da una sua condotta, essa contrasta con disposizioni imperative di legge, non solo con l’articolo 1341 c.c., che vieta, se non sottoscritte, le clausole vessatorie, e che tra queste annovera espressamente quelle che impongono decadenze, ma altresì con l’articolo 2965 c.c. che commina la nullità dei patti che stabiliscono decadenze che rendono eccessivamente difficile ad una delle parti l’esercizio di un diritto.

In conclusione, la tempestività della richiesta di manleva, dipendente dalla tempestività della richiesta risarcitoria da parte del terzo, pone l’assicurato in una condizione di ingiustificato svantaggio nei confronti dell’assicuratore, prevedendo una decadenza che il contraente non può evitare, con conseguente violazione di legge della clausola in oggetto.

 

 

Decadenza dalla garanzia per reticenza dell’assicurato                                                                                           

Cassazione civile, sezione III, ordinanza n. 8895 del 13 maggio 2020

 

Nella pronuncia in commento la Corte affronta la questione relativa alla tacitazione da parte dell’assicurato di una circostanza rilevante, la cui conoscenza sia ritenuta decisiva per la stipulazione di un contratto di assicurazione.

Posto che l’onere di denuncia delle circostanze rilevanti sorge solo che l’assicurazione manifesti interesse a conoscere gli stati rilevanti che possano condizionarne il suo impegno contrattuale, la Suprema Corte sostiene che tale interesse possa essere validamente e sufficientemente manifestato anche solo attraverso la sottoposizione all’assicurato di un generico questionario.

Si stabilisce, infatti, che la predisposizione di un questionario da parte dell’assicuratore, benché non abbia la funzione di tipizzare le possibili cause di annullamento del contratto di assicurazione per dichiarazioni inesatte o reticenti, evidenzia tuttavia l’intenzione dell’assicuratore di annettere particolare importanza a determinati requisiti e richiama l’attenzione del contraente a fornire risposte complete e veritiere sui quesiti medesimi e, quindi, deve essere valutata dal giudice in sede di indagine sul carattere determinante, per la formazione del consenso, dell’inesattezza o della reticenza, così che è sufficiente che l’assicuratore chieda all’assicurato di denunciare ogni possibile situazione che possa aumentare il rischio o concretizzarlo del tutto.

 

 

Spese di resistenza in giudizio nell’ipotesi di richiesta risarcitoria oltre il massimale

Cassazione civile, sezione III, ordinanza n. 8896 del 13 maggio 202

 

Nell’ordinanza in commento la Corte si pronuncia sulla rimborsabilità delle spese di lite da parte dell’assicurazione nel caso in cui gli assicurati siano chiamati a resistere in giudizio in seguito ad una richiesta risarcitoria eccedente il massimale e rispetto alla quale l’assicurazione ha riconosciuto il diritto alla manleva.

La Corte afferma che le spese effettuate per resistere in giudizio sono spese che l’assicuratore si impegna (nel contratto) o comunque è tenuto nei limiti di cui all’articolo 1917 c.c., solo che il suo assicurato abbia avuto la necessità, perché evocato in giudizio, di affrontare una lite, a prescindere dalla circostanza che l’assicuratore lo abbia sostenuto, ossia abbia o meno aderito alle ragioni dell'assicurato.

Pertanto, le spese di resistenza presuppongono che l’assicurato sia stato costretto a iniziare o a difendersi in una lite, che ha causa in situazioni rientranti nella garanzia assicurativa. Non ha alcuna rilevanza che la presenza in giudizio dell’assicurato non sia stata causata da una posizione difensiva dell’assicurazione, quanto piuttosto da una richiesta del danneggiato; le spese legali per affrontare il processo prescindono da questa circostanza processuale mutevole e sono dovute oggettivamente quale rimborso per il fatto stesso di aver dovuto affrontare un processo causato dal fatto assicurato.

, in proposito e sempre secondo la Corte, vale obiettare che la difesa svolta sulla parte eccedente il massimale non è coperta da assicurazione, al pari della eccedenza stessa, in quanto è evidente che gli assicurati si sono costituiti in giudizio per difendersi su tutto.

 

 

Tamponamento: prova liberatoria sul conducente del veicolo che segue                                                                  

Tribunale di Catania, sezione V, sentenza n. 1409 del 24 aprile 2020

 

Nella pronuncia in commento il Tribunale di Catania, in forza del principio secondo cui in caso di collisione tra veicoli, poiché la legge fa carico al conducente del veicolo che segue di essere in grado di garantire in ogni caso l’arresto tempestivo del mezzo evitando collisioni con il veicolo che precede, ha stabilito che il fatto stesso della collisione fa sorgere una presunzione di inosservanza della distanza di sicurezza da parte del conducente del veicolo che segue.

Tale principio determina l’inapplicabilità della presunzione di pari colpa di cui all’articolo 2054, II comma, c.c. e determina l’insorgenza a carico del conducente del veicolo che segue dell’onere di fornire la prova liberatoria, ovvero che il mancato arresto del veicolo e la conseguente collisione siano stati determinati da cause in tutto o in parte a lui non imputabili.

 

 

Imprudenza del pedone e diligenza del conducente                                                                                                

Cassazione civile, sezione III, ordinanza n. 5627 del 28 febbraio 2020

 

Nella pronuncia in commento la Corte affronta la tematica dell'accertamento della responsabilità del conducente di un veicolo che investe un pedone, prendendo in esame sia la regola della responsabilità esclusiva del conducente, prevista dall’articolo 2054, I comma, c.c., sia i principi sulla responsabilità concorsuale, di cui all’art. 1227 c.c., per aver il pedone contribuito ad esporsi alla situazione di pericolo.

La Corte, in linea con l’orientamento dominante, pone a carico del conducente una responsabilità presunta, ribadendo che l’articolo 2054 c.c. pone una regola nella quale la prevenzione è prevalentemente a carico del conducente, il quale deve dimostrare di aver fatto il possibile per evitare il danno e tale prova liberatoria può essere fornita certamente allegando l’imprudenza del pedone, ma solo se questa si presenti come condotta imprevedibile.

In sostanza, il danno non è imputabile (del tutto o in parte) al conducente non semplicemente quando abbia concorso a cagionarlo (in tutto o in parte) il pedone, ma quando la condotta di quest’ultimo, pur se colpevole, non era in alcun modo prevedibile al punto da impedire al conducente di evitare l’investimento.

L’onere di prevenzione è dunque affidato prevalentemente al conducente, il quale è esente da responsabilità solo davanti a comportamenti del pedone non solo colposi, ma del tutto imprevedibili ed inevitabili.

 

 

Limiti alla vincolatività del giudicato penale in sede civile                                                                                                                                    

Cassazione civile, sezione III, ordinanza n. 8477 del 5 maggio 2020

 

Nell’ordinanza in commento la Corte si pronuncia in merito al vincolo derivante dal giudicato penale, relativo all’accertamento di un reato di danno, nel successivo e separato giudizio relativo alla responsabilità civile.

Secondo la Corte la sentenza del giudice penale che, accertando l’esistenza del reato, abbia altresì pronunciato condanna definitiva dell’imputato al risarcimento dei danni in favore della parte civile, demandandone la liquidazione ad un successivo e separato giudizio, spiega, in sede civile, effetto vincolante in ordine alla declaratoria iuris di generica condanna al risarcimento e alle restituzioni, ferma restando la necessità dell’accertamento, in sede civile, della esistenza e della entità delle conseguenze pregiudizievoli derivate dal fatto individuato come potenzialmente dannoso e dal nesso di derivazione causale tra questo e i pregiudizi lamentati dai danneggiati.

In particolare, per ciò che riguarda i reati di danno, l’esistenza del danno è implicita nell’accertamento del “fatto-reato” ma il riferimento, sulla base delle regole del diritto civile, è al danno-evento, avvinto al fatto da un nesso di causalità materiale, non al danno-conseguenza, per il quale l’indagine da compiere è quella del nesso di causalità giuridica tra l’evento di danno e le sue conseguenze pregiudizievoli.

Quindi, in relazione all’accertamento del danno-conseguenza, sotto il profilo dell’esistenza del nesso di causalità (oltre che il profilo dell’esistenza e quantificazione del danno) resta quindi ferma, all’esito del giudicato penale, la competenza del giudice civile.

 

 

Ammissibilità delle presunzioni per la prova del danno subito dai congiunti                                                                

Cassazione civile, sezione III, ordinanza n. 7748 dell’8 aprile 2020

 

Nella pronuncia in commento la Corte supera il principio secondo il quale è consentito riconoscere un danno non patrimoniale ai congiunti del danneggiato solo in presenza di un totale sconvolgimento delle abitudini di vita del nucleo familiare su cui si sono riverberate le conseguenze dell’evento traumatico subito dal familiare.

Al contrario, la Corte ritiene che dalle lesioni inferte a taluno possono derivare per i congiunti sia una sofferenza d’animo (danno morale) sia un danno biologico (quale una malattia), senza che ciò produca necessariamente uno sconvolgimento delle abitudini di vita.

Qualificando il danno subito dai congiunti come danno diretto, non riflesso, ossia come conseguenza diretta della lesione inferta al parente prossimo, la quale ultima rileva come fatto plurioffensivo, che ha vittime diverse ma egualmente dirette, la Corte afferma che non vi sia motivo di prevedere che i pregiudizi subiti dai familiari siano sottoposti ad una prova più rigorosa di quelli subiti dalla vittima e, dunque, stabilisce che anch’essi possano essere dimostrati per mezzo di presunzioni.

 

 

Tabelle di Milano: mancata applicazione legittima solo se adeguatamente motivata

Cassazione civile, sezione III, ordinanza n. 8508 del 6 maggio 2020

 

Nell’ordinanza in oggetto la Corte torna nuovamente a pronunciarsi in merito alla determinazione del danno non patrimoniale.

Viene innanzitutto ribadito che, per tale tipologia di danno, il ristoro pecuniario non può mai corrispondere alla relativa esatta commisurazione, imponendosi pertanto la necessità di una valutazione equitativa, diretta a determinare la compensazione socialmente adeguata del pregiudizio, quella che l’ambiente sociale accetta come compensazione equa. Tale valutazione deve avvenire mediante un prudente e ragionevole apprezzamento di tutte le circostanze del caso concreto, salva l’esigenza di garantire in ogni caso una tendenziale uniformità nella qualificazione della lesione e del relativo danno.

Si tratta pertanto di individuare il punto di equilibrio tra una valutazione che non sia eccessivamente rimessa alla mera intuizione soggettiva del giudice, al fine di evitare disparità di trattamento, ed un’applicazione esageratamente rigorosa di criteri predeterminati in astratto, che si tradurrebbe in una preventiva tariffazione della persona.

Secondo la Corte fondamentale è che, qualunque sia il sistema di quantificazione prescelto, esso si prospetti idoneo a consentire di pervenire ad una valutazione informata ad equità e che il giudice dia adeguatamente conto in motivazione del processo logico al riguardo seguito, indicando i criteri assunti a base del procedimento valutativo adottato, al fine di consentire il controllo di relativa logicità, coerenza e congruità.

A tale scopo viene ribadita la appropriatezza delle Tabelle di Milano, recanti i parametri maggiormente idonei a consentire di tradurre il concetto di equità valutativa, quale strumento utilizzabile per evitare o quanto meno ridurre ingiustificate disparità di trattamento, e si richiede al giudice di dare adeguata motivazione nel caso di discostamento da tali parametri o di mancata loro considerazione.

La Corte ha poi precisato che ai fini della liquidazione del danno non patrimoniale, trattandosi di debito di valore, vanno dal giudice utilizzati i parametri vigenti al momento della emissione della propria decisione, sicché allorquando le Tabelle cambino nelle more tra l’introduzione del giudizio e la sua decisione, il giudice (anche d’appello) ha l’obbligo di utilizzare i parametri vigenti al momento della pronuncia.

 

 

Criterio della proporzione in caso di decesso in corso di causa                                                                                                                                             

Cassazione civile, sezione III, sentenza n. 8532 del 6 maggio 2020

 

Nella pronuncia in commento la Corte si esprime in merito al criterio da utilizzare per la liquidazione del danno nel caso di morte del danneggiato in corso di causa, poiché l’intervenuto decesso della parte comporta che la valutazione probabilistica connessa all’ipotetica durata della vita del soggetto danneggiato vada sostituita con quella del concreto danno effettivamente prodottosi.

Di conseguenza l’ammontare del danno biologico che gli eredi richiedono iure successionis deve essere calcolato non con riferimento alla durata probabile della vita della vittima, ma alla sua durata effettiva; il danno tabellarmente determinato deve essere ridotto avuto riguardo al tempo di effettiva sopravvivenza del danneggiato.

Il giudice di merito dovrà, dunque, adottare il cosiddetto criterio della proporzione secondo il quale il risarcimento che si sarebbe liquidato a persona vivente sta al numero di anni che questi aveva ancora da vivere secondo le statistiche di mortalità, come il risarcimento da liquidare a persona già defunta sta al numero di anni da questa effettivamente vissuti tra l’infortunio e la morte.

 

 

Frazionabilità del credito risarcitorio: la pluralità di azioni giudiziarie non è giustificata

Cassazione civile, sezione III, sentenza n. 8530 del 6 maggio 2020

 

Nella pronuncia in oggetto la Corte affronta il tema del frazionamento del credito risarcitorio mediante l’instaurazione di una pluralità di azioni giudiziarie.

La Corte, in primo luogo, ribadisce il principio secondo cui le domande aventi ad oggetto diversi e distinti diritti di credito, benché relativi ad un medesimo rapporto di durata tra le parti, possono essere proposte in separati processi, ma, ove le suddette pretese creditorie, oltre a far capo ad un medesimo rapporto tra le stesse parti, siano anche, in proiezione, inscrivibili nel medesimo ambito oggettivo di un possibile giudicato o, comunque, fondate sullo stesso fatto costitutivo, sì da non poter essere accertate separatamente se non a costo di una duplicazione di attività istruttoria e di una conseguente dispersione della conoscenza dell’identica vicenda sostanziale, le relative domande possono essere formulate in autonomi giudizi solo se risulti in capo al creditore un interesse oggettivamente valutabile alla tutela processuale frazionata.

Si esclude, però, la frazionabilità del credito risarcitorio giustificato dalla parte per esigenze di maggiore speditezza, ritenendo che la sola maggiore speditezza di trattazione non può giustificare l’aggravio complessivo di oneri, non solo patrimoniali, dovuto alla moltiplicazione delle iniziative giudiziarie. Tanto più che il credito risarcitorio, sia pure nelle sue distinte componenti patrimoniale e non, rimane pur sempre unitario, avendo ad oggetto il ristoro o il risarcimento del danneggiato dall’insieme o coacervo dei danni-conseguenza e quindi del complessivo pregiudizio a lui derivante dal fatto illecito altrui, inteso a sua volta come unitario danno-evento idoneo a cagionare la sequenza differenziata dei primi.

In definitiva, il danneggiato a fronte di un unico fatto illecito lesivo non può frazionare la tutela giudiziaria, agendo separatamente innanzi a giudici diversi e neppure mediante riserva di far valere ulteriori e diverse voci di danno in altro procedimento, poiché ciò integra una condotta che aggrava senza motivo la posizione del debitore ed una non necessaria proliferazione di azioni giudiziarie.

 

 

Patto di gestione della lite e rimborso delle spese di resistenza                                                                                      

Cassazione civile, sezione VI, ordinanza n. 4202 del 19 febbraio 2020

 

Nell’ordinanza in commento la Corte si pronuncia sulla tematica del rimborso delle spese di resistenza in giudizio a favore dell’assicurato nel caso in cui questi non si sia avvalso della difesa legale offerta dalla compagnia assicurativa, in presenza di un patto di gestione in via esclusiva della lite.

Secondo la Corte, in presenza di tale patto, la clausola che prevede che la società non riconosce spese incontrate dall’assicurato per legali o tecnici che non siano da essa designati non si pone in contrasto con la previsione di cui all’articolo 1917, III comma, c.c., che pone a carico dell’assicuratore le spese di resistenza in giudizio sostenute dall’assicurato poichè mediante l’assunzione esclusiva della gestione della lite si realizza comunque lo scopo della norma che è quello di tenere indenne l’assicurato.

In presenza di un patto di gestione della lite, quindi, la clausola che prevede il diniego di rimborso da parte dell’assicuratore ove l’assicurato decida di non avvalersi della difesa offerta direttamente dalla compagnia, è giustificata e legittima quale ragionevole corollario di quel patto volto a tutelare il sinallagma contrattuale.

 

 

Lesioni durante la ricreazione: la responsabilità dell’istituzione scolastica

Cassazione civile, sezione III, ordinanza n. 8811 del 12 maggio 2020

 

Nell’ordinanza in oggetto la Corte propone un’approfondita disamina della responsabilità dell’istituto scolastico nel caso di lesioni subite da un alunno durante l’orario curricolare.

Secondo la Corte, l’ammissione dell’allievo a scuola determina l’instaurazione di un vincolo negoziale dal quale sorge a carico dell’istituto l’obbligazione di vigilare sulla sicurezza e l’incolumità degli allievi nel tempo in cui questi fruiscono della prestazione scolastica in tutte le sue espressioni e quindi di predisporre gli accorgimenti necessari affinché non venga arrecato danno ai minori.

Pertanto, la scuola risponde del fatto illecito commesso dagli allievi minori sottoposti alla sua vigilanza e di tale responsabilità speciale ex articolo 2048, comma terzo, c.c. si libera soltanto se prova di non aver potuto impedire il fatto (responsabilità aggravata). Incombe, quindi, sull’allievo la prova dell’illecito commesso da altro allievo, quale fatto costitutivo della pretesa, mentre è a carico della scuola la prova del fatto impeditivo, e cioè dell’inevitabilità dell’evento nonostante la predisposizione, in relazione al caso concreto, di tutte le cautele idonee ad evitare danni.

Inoltre, come nel caso in oggetto, allorquando nell’espletamento della propria attività si avvalga dell’opera di terzi (anche) l’amministrazione scolastica assume il rischio connaturato alla relativa utilizzazione nell’attuazione della propria obbligazione e, pertanto, risponde direttamente di tutte le ingerenze dannose, dolose o colpose, che a costoro, sulla base di un nesso di occasionalità necessaria, siano state rese possibili in virtù della posizione conferita nell’adempimento dell’obbligazione medesima rispetto al danneggiato e che integrano il rischio specifico assunto dal debitore. E, si aggiunge, la responsabilità del preponente non viene in tal caso meno neanche qualora i preposti non siano alle sue dipendenze, essendo sufficiente che il fatto illecito sia commesso da un soggetto legato da un rapporto di preposizione con il responsabile, ipotesi che ricorre, non solo in caso di lavoro subordinato, ma anche quando per volontà di un soggetto un altro esplichi un’attività per suo conto.

 

 

Rinnovazione dell’istruttoria dibattimentale in caso di rovesciamento dell’esito assolutorio               

Cassazione penale, sezione IV, sentenza n. 15080 del 14 maggio 2020

 

Nel caso in oggetto i ricorrenti lamentano la violazione dell’articolo 603 c.p.p. per essere stata omessa la rinnovazione integrale dell’istruttoria dibattimentale a fronte di un’impugnazione avverso una sentenza assolutoria.  

La Corte innanzitutto ribadisce il principio secondo cui il giudice di appello che afferma la responsabilità dell’imputato prosciolto in primo grado ha l’obbligo di delineare le linee portanti del proprio alternativo ragionamento probatorio e di confutare specificamente i più rilevanti argomenti della motivazione della prima sentenza, dando conto delle ragioni della relativa incompletezza o incoerenza, tali da giustificare la riforma del provvedimento impugnato.

Infatti, l’eventuale rivisitazione in senso peggiorativo compiuta in appello deve essere sorretta da argomenti dirimenti e tali da evidenziare oggettive carenze o insufficienze della decisione assolutoria che deve quindi rivelarsi, a fronte di quella riformatrice, non più sostenibile e neppure lasciare aperto lo spazio ad un residuo dubbio sull’affermazione di colpevolezza. In altri termini, per riformare un’assoluzione non basta una diversa valutazione di pari plausibilità, ma occorre una forza persuasiva superiore.

Ciò premesso, la Corte statuisce che il giudice di appello non può riformare la sentenza impugnata nel senso dell’affermazione della responsabilità penale dell’imputato senza aver proceduto, anche d’ufficio, a rinnovare l’istruzione dibattimentale attraverso l’esame dei soggetti che abbiano reso dichiarazioni su fatti del processo ritenute decisive.

Inoltre, secondo la Corte, è parimenti errata ed inosservante del codice di rito  la rinnovazione del contributo dichiarativo dei periti d’ufficio in mancanza del contributo delle difese tecniche degli imputati; la rinnovazione è necessaria in caso di overturning accusatorio poiché si tratta di un principio volto ad impedire che il giudice, che operi la reformatio in pejus, introduca una diversa lettura delle conclusioni del perito e/o del consulente di parte in assenza di un nuovo momento processuale di confronto ed analisi, momento che si ritiene indispensabile nel rovesciamento dell’esito assolutorio. 

File allegati
 
 

0 Commenti aggiunti

Lascia un messaggio

Lascia un messaggio. Tutti i campi contrassegnati con * sono obbligatori.




  • file

  • Mod. ICONT – Data Agg. 17/12/2021

    Informativa per il trattamento dei dati personali
     

    Ai sensi dell’Art. n. 13 del REGOLAMENTO EUROPEO N. 679/2016
     

    Gentile Interessato,

    STUDIO LEGALE LOCATELLI in qualità di Titolare del trattamento dei dati ai sensi dell’art. n. 13 del Regolamento Europeo n. 679/2016 “General Data Protection Regulation (GDPR)” (d’ora innanzi Regolamento UE), recante disposizioni in materia di trattamento dei dati personali, intende informala in merito al trattamento dei Suoi dati personali.

    La norma prevede che chiunque effettui trattamenti di dati personali è tenuto ad informare il soggetto interessato in relazione ai dati trattati e agli elementi qualificanti il trattamento, che deve in ogni caso avvenire in maniera lecita, corretta e trasparente, nonché tutelare la riservatezza e garantire i diritti del soggetto interessato.

    Si precisa che per trattamento dei dati s’intende qualsiasi operazione o complesso di operazioni concernenti la raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, consultazione, elaborazione, modifica, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, distruzione dei dati stessi.
     

    1.Titolare del trattamento dei dati

    Il Titolare del trattamento dei dati è Studio Legale Locatelli, con sede legale e operativa in Galleria A. De Gasperi 4 – 35131 Padova (PD), e altra sede operativa in Via Tagliamento 83 – 33038 San Daniele del Friuli (UD), C.F. LCTLNZ61M24F205O e P. IVA. 02174360285, contattabile ai seguenti recapiti: telefono +39 049 663612, e-mail: info@studiolocatelli.it.

     

    2. Natura dei dati Trattati, Finalità e Base giuridica del trattamento

    Natura dei dati trattati. In relazione alle finalità del trattamento sotto riportate si informa che saranno trattatati unicamente “dati personali comuni” quali, ad esempio:

    • dati identificativi (nome, cognome, recapito telefonico,
      e-mail, etc.);

     

    Finalità del trattamento. I suoi dati personali saranno trattati per le seguenti finalità:

    1. dare riscontro alle sue richieste: mediante compilazione, volontaria, dell’apposito form che trova in questa area contatti;
    2. adempiere ad obblighi di legge;

     

    Base giuridica del trattamento. I dati personali, per le finalità di cui al punto 2A e 2B saranno trattati lecitamente per adempiere ad obblighi precontrattuali e contrattuali tra noi e l’utente (art.6, par.1 lett. b), per adempiere ai nostri obblighi legali (art.6 par.1 lett. c).

    Il consenso da Lei prestato potrà essere revocato in qualsiasi momento, senza pregiudicare la liceità del trattamento basato sul consenso prestato prima della revoca (art.7 parag.3 Regolamento UE)

    Inoltre, si informa l’interessato, che ai sensi dell’art. 21 del Regolamento UE, l'interessato ha il diritto di opporsi in qualsiasi momento al trattamento dei dati personali che lo riguardano effettuato per le finalità di marketing diretto (compresa la profilazione) e che, qualora l'interessato si opponga al trattamento, i dati personali non potranno più essere oggetto di trattamento per tali finalità.
     

    3.Destinatari dei dati e Modalità di trattamento

    Il trattamento dei Suoi dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e potrà essere effettuato mediante strumenti cartacei ed  elettronici sia dal personale dell’Azienda scrivente, autorizzato/incaricato al trattamento dei dati personali, sia da soggetti esterni chiamati a svolgere specifici incarichi, per conto del Titolare del trattamento, in qualità di Responsabili del trattamento, ai sensi dell’art. 28 Regolamento UE, previa nostra lettera di incarico che imponga loro il dovere di riservatezza e sicurezza del trattamento dei dati personali, e l’adozione di misure di sicurezza idonee per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti e non corretti, ed accessi non autorizzati, nel rispetto delle vigenti disposizioni in materia di tutela dei dati personali.

    Per brevità la lista dettagliata di tali figure è disponibile presso la sede del Titolare del trattamento ed è a Sua disposizione.

    I suoi dati personali non saranno diffusi e non saranno trasferiti verso paesi terzi o organizzazioni internazionali, non saranno comunicati a terzi tranne che per obblighi di legge o di contratto
     

    4. Tempi di conservazione dei dati

    I suoi dati personali saranno conservati per un arco di tempo non superiore al conseguimento delle finalità per i quale sono trattati, nel rispetto del principio di limitazione della conservazione previsto dal Regolamento UE e/o per il tempo necessario per obblighi di legge e di contratto o fino a che non intervenga la revoca del consenso specifico da parte dell’interessato e, quindi

      • con riferimento alle finalità indicate nei punti 2A-2B, i dati verranno conservati per il tempo non superiore al conseguimento delle finalità per i quale sono trattati e/o per il tempo strettamente necessario per l’espletamento degli obblighi di legge e di contratto;

    A garanzia dei tempi di conservazione dichiarati è previsto che sia effettuata una verifica periodica a cadenza annuale sui dati trattati e sulla possibilità di poterli cancellare se non più necessari per le finalità previste.
     

    5. Conseguenze della mancata comunicazione dei dati

    I dati personali di cui ai punti 2A-2B della presente informativa sono necessari, senza tali dati ci sarebbe impossibile procedere alla registrazione (creazione del Suo account personale), adempiere agli obblighi contrattuali e di legge.
     

    6. Diritti dell’interessato

    Nella Sua qualità di interessato, ha i diritti di cui agli articoli da n. 15 a n. 22 del Regolamento UE di seguito riportati e precisamente ha il diritto ad:

    • ottenere la conferma dell’esistenza e del trattamento di dati personali che lo riguardano e in tal caso, ottenere l’accesso ai suoi dati (cd. diritto di accesso);
    • ottenere le indicazioni circa le finalità del trattamento, le categorie dei dati in questione, i destinatari o le categorie di destinatari cui i dati sono stati o saranno comunicati, in particolare se destinatari di paesi terzi o organizzazioni internazionali, il periodo di conservazione dei dati previsto o i criteri utilizzati per determinare tale periodo; e qualora i dati non siano raccolti presso l’interessato, ottenere tutte le informazioni disponibili sulla loro origine;
    • ottenere la rettifica dei dati che lo riguardano (cd. diritto di rettifica)
    • ottenere la cancellazione dei dati che lo riguardano (cd. diritto all’oblio);
    • ottenere le limitazioni del trattamento (cd. diritto di limitazione di trattamento);
    • ottenere la portabilità dei dati, ossia riceverli da un titolare del trattamento in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico e trasmetterli ad altro titolare del trattamento senza impedimenti (cd. diritto alla portabilità dei dati);
    • opporsi al trattamento in qualsiasi momento (cd. diritto di opposizione). Si informa specificatamente, come richiesto dall’art. 21 del Regolamento UE, che qualora i dati personali siano trattati per finalità di marketing diretto (compresa la profilazione), l'interessato ha il diritto di opporsi in qualsiasi momento al trattamento dei dati personali che lo riguardano effettuato per tali finalità e che qualora l'interessato si opponga al trattamento per finalità di marketing diretto, i dati personali non potranno più essere oggetto di trattamento per tali finalità;
    • essere messo a conoscenza (con la possibilità di opporsi) dell’esistenza di un processo decisionale automatizzato relativo alle persone fisiche, compresa la profilazione;
    • revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca;
    • proporre reclamo a un’autorità di controllo (Garante per la Protezione dei Dati Personali).

    Si precisa che potrebbero esserci condizioni o limitazioni ai diritti dell’interessato. Non è quindi certo che, ad esempio, si abbia il diritto di portabilità dei dati in tutti i casi, ciò dipende dalle circostanze specifiche dell'attività di elaborazione.

    Altro esempio: nel caso Lei decida di opporsi al trattamento dei dati, il Titolare del trattamento ha diritto di valutare la Sua istanza, che potrebbe non essere accettata in caso di esistenza di motivi legittimi cogenti per procedere al trattamento che prevalgano sui Suoi interessi, diritti e libertà.
     

    7. Modalità di esercizio dei diritti

    Senza formalità alcuna Lei potrà in qualsiasi momento esercitare i Suoi diritti in modo chiaro ed esplicito inviando:

    - una raccomandata A.R. alla scrivente (vedere l’indirizzo indicato nella carta intestata);

    - una e-mail all’indirizzo info@studiolocatelli.it.

    Oppure contattando direttamente il Titolare del trattamento al numero: +39 049 663612.
     

    8. Minori

    Quanto offerto dal Titolare del trattamento ed oggetto del rapporto con Lei in essere non prevede l’acquisizione intenzionale di informazioni personali riferite ai minori. Nel caso in cui informazioni su minori fossero involontariamente registrate, il Titolare del trattamento le cancellerà in modo tempestivo, su richiesta o segnalazione dell’interessato.
     

    9. D.P.O. (R.P.D.) – Incaricati/Autorizzati – Responsabili del trattamento

    Di seguito le forniamo alcune informazioni che è necessario portare alla sua conoscenza, non solo per ottemperare agli obblighi di legge, ma anche perché la trasparenza e la correttezza nei confronti degli Interessati è parte fondante della nostra attività.
     

    D.P.O. (Data Protection Officer) – R.P.D. (Responsabile delle Protezione dei Dati). Potrà inoltre rivolgersi al Responsabile della Protezione dei Dati per avere informazioni e inoltrare richieste circa i suoi dati o per segnalare disservizi o qualsiasi problema eventualmente riscontrato.

    Il Titolare del trattamento ha nominato Responsabile della Protezione dei Dati il Sig. Nicola Ghinello che potrà contattare ai seguenti recapiti: telefono +39 348 3165267, e-mail: nicola.ghinello@dpo-rpd.com.

    Incaricati/Autorizzati. L’elenco aggiornato degli incaricati/Autorizzati al trattamento è custodito presso la sede del Titolare del trattamento.
     

    Responsabili del trattamento.

    Per brevità la lista dettagliata di tali figure è disponibile presso la nostra sede.

     

Mod. ICONT – Data Agg. 17/12/2021

Informativa per il trattamento dei dati personali
 

Ai sensi dell’Art. n. 13 del REGOLAMENTO EUROPEO N. 679/2016
 

Gentile Interessato,

STUDIO LEGALE LOCATELLI in qualità di Titolare del trattamento dei dati ai sensi dell’art. n. 13 del Regolamento Europeo n. 679/2016 “General Data Protection Regulation (GDPR)” (d’ora innanzi Regolamento UE), recante disposizioni in materia di trattamento dei dati personali, intende informala in merito al trattamento dei Suoi dati personali.

La norma prevede che chiunque effettui trattamenti di dati personali è tenuto ad informare il soggetto interessato in relazione ai dati trattati e agli elementi qualificanti il trattamento, che deve in ogni caso avvenire in maniera lecita, corretta e trasparente, nonché tutelare la riservatezza e garantire i diritti del soggetto interessato.

Si precisa che per trattamento dei dati s’intende qualsiasi operazione o complesso di operazioni concernenti la raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, consultazione, elaborazione, modifica, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, distruzione dei dati stessi.
 

1.Titolare del trattamento dei dati

Il Titolare del trattamento dei dati è Studio Legale Locatelli, con sede legale e operativa in Galleria A. De Gasperi 4 – 35131 Padova (PD), e altra sede operativa in Via Tagliamento 83 – 33038 San Daniele del Friuli (UD), C.F. LCTLNZ61M24F205O e P. IVA. 02174360285, contattabile ai seguenti recapiti: telefono +39 049 663612, e-mail: info@studiolocatelli.it.

 

2. Natura dei dati Trattati, Finalità e Base giuridica del trattamento

Natura dei dati trattati. In relazione alle finalità del trattamento sotto riportate si informa che saranno trattatati unicamente “dati personali comuni” quali, ad esempio:

  • dati identificativi (nome, cognome, recapito telefonico,
    e-mail, etc.);

 

Finalità del trattamento. I suoi dati personali saranno trattati per le seguenti finalità:

  1. dare riscontro alle sue richieste: mediante compilazione, volontaria, dell’apposito form che trova in questa area contatti;
  2. adempiere ad obblighi di legge;

 

Base giuridica del trattamento. I dati personali, per le finalità di cui al punto 2A e 2B saranno trattati lecitamente per adempiere ad obblighi precontrattuali e contrattuali tra noi e l’utente (art.6, par.1 lett. b), per adempiere ai nostri obblighi legali (art.6 par.1 lett. c).

Il consenso da Lei prestato potrà essere revocato in qualsiasi momento, senza pregiudicare la liceità del trattamento basato sul consenso prestato prima della revoca (art.7 parag.3 Regolamento UE)

Inoltre, si informa l’interessato, che ai sensi dell’art. 21 del Regolamento UE, l'interessato ha il diritto di opporsi in qualsiasi momento al trattamento dei dati personali che lo riguardano effettuato per le finalità di marketing diretto (compresa la profilazione) e che, qualora l'interessato si opponga al trattamento, i dati personali non potranno più essere oggetto di trattamento per tali finalità.
 

3.Destinatari dei dati e Modalità di trattamento

Il trattamento dei Suoi dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e potrà essere effettuato mediante strumenti cartacei ed  elettronici sia dal personale dell’Azienda scrivente, autorizzato/incaricato al trattamento dei dati personali, sia da soggetti esterni chiamati a svolgere specifici incarichi, per conto del Titolare del trattamento, in qualità di Responsabili del trattamento, ai sensi dell’art. 28 Regolamento UE, previa nostra lettera di incarico che imponga loro il dovere di riservatezza e sicurezza del trattamento dei dati personali, e l’adozione di misure di sicurezza idonee per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti e non corretti, ed accessi non autorizzati, nel rispetto delle vigenti disposizioni in materia di tutela dei dati personali.

Per brevità la lista dettagliata di tali figure è disponibile presso la sede del Titolare del trattamento ed è a Sua disposizione.

I suoi dati personali non saranno diffusi e non saranno trasferiti verso paesi terzi o organizzazioni internazionali, non saranno comunicati a terzi tranne che per obblighi di legge o di contratto
 

4. Tempi di conservazione dei dati

I suoi dati personali saranno conservati per un arco di tempo non superiore al conseguimento delle finalità per i quale sono trattati, nel rispetto del principio di limitazione della conservazione previsto dal Regolamento UE e/o per il tempo necessario per obblighi di legge e di contratto o fino a che non intervenga la revoca del consenso specifico da parte dell’interessato e, quindi

    • con riferimento alle finalità indicate nei punti 2A-2B, i dati verranno conservati per il tempo non superiore al conseguimento delle finalità per i quale sono trattati e/o per il tempo strettamente necessario per l’espletamento degli obblighi di legge e di contratto;

A garanzia dei tempi di conservazione dichiarati è previsto che sia effettuata una verifica periodica a cadenza annuale sui dati trattati e sulla possibilità di poterli cancellare se non più necessari per le finalità previste.
 

5. Conseguenze della mancata comunicazione dei dati

I dati personali di cui ai punti 2A-2B della presente informativa sono necessari, senza tali dati ci sarebbe impossibile procedere alla registrazione (creazione del Suo account personale), adempiere agli obblighi contrattuali e di legge.
 

6. Diritti dell’interessato

Nella Sua qualità di interessato, ha i diritti di cui agli articoli da n. 15 a n. 22 del Regolamento UE di seguito riportati e precisamente ha il diritto ad:

  • ottenere la conferma dell’esistenza e del trattamento di dati personali che lo riguardano e in tal caso, ottenere l’accesso ai suoi dati (cd. diritto di accesso);
  • ottenere le indicazioni circa le finalità del trattamento, le categorie dei dati in questione, i destinatari o le categorie di destinatari cui i dati sono stati o saranno comunicati, in particolare se destinatari di paesi terzi o organizzazioni internazionali, il periodo di conservazione dei dati previsto o i criteri utilizzati per determinare tale periodo; e qualora i dati non siano raccolti presso l’interessato, ottenere tutte le informazioni disponibili sulla loro origine;
  • ottenere la rettifica dei dati che lo riguardano (cd. diritto di rettifica)
  • ottenere la cancellazione dei dati che lo riguardano (cd. diritto all’oblio);
  • ottenere le limitazioni del trattamento (cd. diritto di limitazione di trattamento);
  • ottenere la portabilità dei dati, ossia riceverli da un titolare del trattamento in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico e trasmetterli ad altro titolare del trattamento senza impedimenti (cd. diritto alla portabilità dei dati);
  • opporsi al trattamento in qualsiasi momento (cd. diritto di opposizione). Si informa specificatamente, come richiesto dall’art. 21 del Regolamento UE, che qualora i dati personali siano trattati per finalità di marketing diretto (compresa la profilazione), l'interessato ha il diritto di opporsi in qualsiasi momento al trattamento dei dati personali che lo riguardano effettuato per tali finalità e che qualora l'interessato si opponga al trattamento per finalità di marketing diretto, i dati personali non potranno più essere oggetto di trattamento per tali finalità;
  • essere messo a conoscenza (con la possibilità di opporsi) dell’esistenza di un processo decisionale automatizzato relativo alle persone fisiche, compresa la profilazione;
  • revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca;
  • proporre reclamo a un’autorità di controllo (Garante per la Protezione dei Dati Personali).

Si precisa che potrebbero esserci condizioni o limitazioni ai diritti dell’interessato. Non è quindi certo che, ad esempio, si abbia il diritto di portabilità dei dati in tutti i casi, ciò dipende dalle circostanze specifiche dell'attività di elaborazione.

Altro esempio: nel caso Lei decida di opporsi al trattamento dei dati, il Titolare del trattamento ha diritto di valutare la Sua istanza, che potrebbe non essere accettata in caso di esistenza di motivi legittimi cogenti per procedere al trattamento che prevalgano sui Suoi interessi, diritti e libertà.
 

7. Modalità di esercizio dei diritti

Senza formalità alcuna Lei potrà in qualsiasi momento esercitare i Suoi diritti in modo chiaro ed esplicito inviando:

- una raccomandata A.R. alla scrivente (vedere l’indirizzo indicato nella carta intestata);

- una e-mail all’indirizzo info@studiolocatelli.it.

Oppure contattando direttamente il Titolare del trattamento al numero: +39 049 663612.
 

8. Minori

Quanto offerto dal Titolare del trattamento ed oggetto del rapporto con Lei in essere non prevede l’acquisizione intenzionale di informazioni personali riferite ai minori. Nel caso in cui informazioni su minori fossero involontariamente registrate, il Titolare del trattamento le cancellerà in modo tempestivo, su richiesta o segnalazione dell’interessato.
 

9. D.P.O. (R.P.D.) – Incaricati/Autorizzati – Responsabili del trattamento

Di seguito le forniamo alcune informazioni che è necessario portare alla sua conoscenza, non solo per ottemperare agli obblighi di legge, ma anche perché la trasparenza e la correttezza nei confronti degli Interessati è parte fondante della nostra attività.
 

D.P.O. (Data Protection Officer) – R.P.D. (Responsabile delle Protezione dei Dati). Potrà inoltre rivolgersi al Responsabile della Protezione dei Dati per avere informazioni e inoltrare richieste circa i suoi dati o per segnalare disservizi o qualsiasi problema eventualmente riscontrato.

Il Titolare del trattamento ha nominato Responsabile della Protezione dei Dati il Sig. Nicola Ghinello che potrà contattare ai seguenti recapiti: telefono +39 348 3165267, e-mail: nicola.ghinello@dpo-rpd.com.

Incaricati/Autorizzati. L’elenco aggiornato degli incaricati/Autorizzati al trattamento è custodito presso la sede del Titolare del trattamento.
 

Responsabili del trattamento.

Per brevità la lista dettagliata di tali figure è disponibile presso la nostra sede.

Per offrirti il miglior servizio possibile Studio Legale Locatelli utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.  -   Normativa sui cookie  -   Autorizzo