6.2021

In Newsletter ,

La consulenza tecnica di parte costituisce una semplice allegazione difensiva e può essere prodotta anche in appello

Cassazione civile, sezione VI, ordinanza n. 14469 del 26 maggio 2021

 

Nell’ordinanza in commento la Corte di Cassazione si pronuncia in merito alla natura della consulenza tecnica di parte e al suo valore all’interno del processo civile.

 

Ne caso di specie, l’attore, soccombente in primo grado, nel proporre appello aveva prodotto una consulenza tecnica di parte, redatta successivamente alla conclusione del giudizio di primo grado che la Corte d’appello aveva dichiarato tardiva ed inammissibile, ai sensi dell’art. 345 c.p.c., co. 3.

 

Secondo la Suprema Corte, occorre correggere la motivazione della Corte d'appello dove ha ritenuto tardiva la produzione della consulenza tecnica di parte dell'appellante sul presupposto che fosse un documento prodotto tardivamente. Infatti, come già affermato dalla giurisprudenza di legittimità, la consulenza tecnica di parte costituisce una semplice allegazione difensiva, priva di autonomo valore probatorio, la cui produzione, regolata dalle norme che disciplinano tali atti e perciò sottratta al divieto di cui all’art. 345 c.p.c., deve ritenersi consentita anche in appello. Dunque, la natura tecnica del documento […] non vale ad alterarne la natura che resta quella di atto difensivo.

 

 

La proroga del termine che cade di sabato al primo giorno successivo non festivo si applica solo alle attività processuali

Tribunale di Bari, sentenza 8 giugno 2021, n. 2207

 

Con la sentenza in esame il Tribunale di Bari si esprime in merito alla proroga dei termini al primo giorno successivo non festivo nel caso in cui il termine cada di sabato.

 

Il caso di specie aveva ad oggetto un’opposizione a decreto ingiuntivo notificata dall’opponente il lunedì successivo alla scadenza dei 40 giorni dalla notifica dell’ingiunzione, che cadeva il sabato precedente, sul presupposto che alla notifica andava applicata la proroga prevista dall’art. 155, comma 4 c.p.c..

 

Secondo il giudice barese, la previsione di cui all’art. 155 comma 5 c.p.c., che stabilisce la proroga al giorno successivo non festivo degli atti compiuti fuori udienza nella giornata di sabato, non comprende anche tutte le attività giudiziarie che possono svolgersi il sabato, in quanto il campo di applicazione del citato quinto comma deve riferirsi solo alle attività processuali.

Pertanto, prosegue il Tribunale, devono ritenersi escluse tutte le attività di notifica e tutte le altre attività giudiziarie, che possono svolgersi regolarmente nella giornata di sabato, che ai sensi del successivo comma dello stesso articolo 155 c.p.c. deve considerarsi giornata lavorativa a tutti gli effetti. Gli uffici giudiziari, le cancellerie e gli ufficiali giudiziari assicurano la loro piena disponibilità ad accettare atti depositati nella giornata di sabato, che, pertanto, è giornata utile al compimento di tutte le attività ad eccezione delle attività processuali.

 

Sulla scorta di queste considerazioni il Tribunale dichiara dunque che deve reputarsi intempestiva l’opposizione a decreto ingiuntivo con scadenza al sabato, se portata alla notifica il primo giorno lavorativo successivo.

 

 

Anche nel procedimento di istruzione preventiva l’avvocato ha diritto al compenso per la fase istruttoria

Cassazione civile, sezione II, ordinanza n. 11189 del 28 aprile 2021

 

Nell’ordinanza in commento la Corte di Cassazione si pronuncia in merito al diritto al compenso dell’avvocato per la fase istruttoria nel procedimento di istruzione preventiva.

 

Secondo la Corte se è ben vero che il procedimento di istruzione preventiva risulta ontologicamente diretto all'assunzione di un mezzo istruttorio da potersi utilizzare nell'eventuale successiva causa di merito, tuttavia l'attività di "studio della controversia" e di "introduzione della controversia" non già è finalizzata esclusivamente all'individuazione del mezzo istruttorio da espletare, bensì anche del fatto della vita, cui il mezzo istruttorio da assumere appare correlato.

Dunque esiste autonomia della "fase istruttoria" posto che, come in sede di giudizio di merito in relazione all'espletamento di consulenza tecnica, anche in ipotesi d'espletamento di consulenza tecnica preventiva, il difensore svolge attività diverse da quelle proprie delle due fasi antecedenti […] in quanto sono correlate all'andamento e delle indagini peritali ed alle conclusioni, cui il tecnico perviene, elementi oggettivamente non conoscibili in momento antecedente.

 

La Suprema Corte rileva, inoltre, che lo stesso D.M. 55/2014 prevede la voce tariffaria "fase istruttoria” in relazione al procedimento di istruzione preventiva; secondo i giudici di legittimità, anche nel vigore della tariffa forense ex D.M. 140/2012 è da riconoscere il diritto al compenso per la fase istruttoria nel procedimento di istruzione preventiva e, a tal fine, assume rilievo l'accertamento se il difensore ebbe ad espletare in concreto una qualche attività difensiva di interazione con l'opera del consulente tecnico ai fini dell'espletamento del suo incarico.

 

 

La confessione del conducente non proprietario non fa piena prova nei confronti dell’assicuratore

Cassazione civile, sezione VI-3, ordinanza n. 13718 del 19 maggio 2021

 

Con l’ordinanza in commento la Corte di Cassazione si pronuncia in merito al valore probatorio delle dichiarazioni confessorie del conducente dell’autovettura nei confronti del proprietario della stessa e della compagnia di assicurazione.

 

La Suprema Corte rileva che, secondo il consolidato orientamento della giurisprudenza di legittimità, in tema di risarcimento del danno derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, la confessione proveniente da un soggetto litisconsorte facoltativo, qual è il conducente danneggiante non proprietario del veicolo, rispetto all'assicuratore ed al proprietario dello stesso, è liberamente apprezzabile dal giudice nei riguardi di costoro in applicazione dell'art. 2733, terzo comma, c.c., mentre ha valore di piena prova nei confronti del medesimo confidente, come previsto dall'art. 2733, secondo comma, c.c.

 

 

RC auto: la domanda è improcedibile solo se la richiesta di risarcimento non è idonea a consentire la formulazione di un’offerta risarcitoria

Cassazione civile, sezione VI-3, ordinanza n. 15445 del 3 giugno 2021

 

Nell’ordinanza in commento la Corte di Cassazione si pronuncia in merito al contenuto della richiesta stragiudiziale di risarcimento che il danneggiato è tenuto a formulare alla compagnia di assicurazione ai sensi degli artt. 145 e 148 del Codice delle assicurazioni, a pena di improponibilità della domanda.

 

La Suprema Corte ribadisce l’orientamento della giurisprudenza di legittimità per cui l'atto di costituzione in mora, anche ove non contenga tutti gli elementi previsti [...], purché le omissioni non pregiudichino per l'interlocutore la possibilità di avere contezza dei termini del contendere, deve ritenersi abbia raggiunto il suo scopo che è quello di consentire una completa discovery dei dati utili alla valutazione della responsabilità.

 

Secondo la Cassazione, la richiesta stragiudiziale di risarcimento del danno, di cui all'art. 145 cod. ass., in tanto può dirsi inidonea a rendere proponibile la domanda di risarcimento, in quanto sia priva dei requisiti minimi per il conseguimento dello scopo, ovvero abbia contenuti tali da non permettere all'assicurazione di fare il proprio lavoro (accertare le responsabilità, stimare il danno, formulare l'offerta). Se l’omissione non è ostativa alla liquidazione del danno né reca pregiudizio alcuno all'assicuratore, ciò non impedisce la formulazione dell'offerta e non rende improponibile la successiva domanda giudiziale.

 

Secondo i giudici di legittimità, il combinato disposto degli artt. 145 e 148 cod. ass., [...] va interpretato alla luce del principio della validità degli atti comunque idonei al raggiungimento dello scopo, e per quanto detto è sempre idonea al raggiungimento dello scopo la richiesta stragiudiziale di risarcimento quando sia priva di elementi che, pur espressamente richiesti dalla legge, siano nel caso concreto superflui al fine di accertare le responsabilità e stimare il danno.

 

In conclusione, avendo la denuncia realizzato l'obiettivo funzionale attribuitole dal legislatore, consistente nella propiziazione di una conciliazione precontenziosa, è improcedibile la domanda solo ove la richiesta risulti, per fatto imputabile a comportamento scorretto del danneggiato, priva degli elementi necessari per pervenire alla formulazione di una offerta risarcitoria da parte dell'assicuratore.

 

 

Circolazione di veicoli: la presunzione di pari responsabilità ha natura residuale

Cassazione civile, sezione III, sentenza n. 12884 del 13 maggio 2021

 

Nella sentenza in oggetto la Corte di Cassazione si pronuncia in merito alla presunzione di eguale concorso di colpa contemplata dall’art. 2054, co. 2 c.c. nell'ambito della responsabilità da circolazione di veicoli.

 

Nel caso in esame, i giudici di merito avevano escluso che la colpa del conducente dell’auto fosse esclusiva per l'impossibilità di affermare la carenza di colpa della conducente della bicicletta, la quale non poteva comunque esimersi dal fornire la prova dell'essersi uniformata alle norme sulla circolazione e a quelle di comune prudenza e dal dimostrare di avere fatto tutto il possibile per evitare l'incidente.

 

La Suprema Corte ha invece affermato che la presunzione di eguale concorso di colpa stabilita dall'art. 2054, co. 2, c.c. non impone di considerare uguale l'apporto causale colposo di ciascuno dei conducenti dei mezzi coinvolti in uno scontro solo perché non sia stato provato che uno dei due abbia fatto tutto il possibile per evitare il danno, ma consente, invece, che la colpa presunta di uno dei due possa concorrere con quella accertata dall'altro anche con apporto percentuale diverso da quello paritetico. La norma ha, piuttosto, funzione sussidiaria, operando soltanto nel caso in cui le risultanze probatorie non consentano di accertare in modo concreto in quale misura la condotta dei due conducenti abbia cagionato l'evento dannoso e di attribuire le effettive responsabilità del sinistro.

 

Secondo i giudici di legittimità, l’accertamento della colpa nella condotta, purché potenzialmente idonea a determinare l'evento, di uno dei conducenti nella causazione di uno scontro tra veicoli libera l'altro conducente dalla presunzione – che mantiene un carattere residuale – della sua concorrente responsabilità di cui all'art. 2054, comma 2, c.c. nonché dall'onere di dimostrare di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno. Dunque, la prova liberatoria per il superamento di detta presunzione di colpa non deve necessariamente essere fornita in modo diretto – e cioè dimostrando di non aver arrecato apporto causale alla produzione dell'incidente – ma può anche indirettamente risultare tramite l'accertamento del collegamento eziologico esclusivo dell'evento dannoso con il comportamento dell'altro conducente.

In ogni caso, la certezza delle condotte di entrambi i conducenti non esime il giudice dalla ricostruzione effettiva del concreto apporto causale di ognuna nella determinazione dell'evento, rendendo non corretta l'applicazione della presunzione, che deve mantenere un carattere residuale e cioè limitato all'ipotesi della concreta impossibilità della determinazione dell'incidenza causale delle condotte di tutti i conducenti.

 

 

Non sempre circolare in prossimità del margine sinistro della corsia è causa di responsabilità

Cassazione civile, sezione VI-3, ordinanza n. 16192 del 9 giugno 2021

 

Con la sentenza in commento la Corte di Cassazione si è pronunciata in merito al nesso causale che può sussistere tra la violazione della regola cautelare che impone al conducente di circolare in prossimità del margine destro della carreggiata e la collisione con un veicolo che, proveniente dalla direzione opposta, improvvisamente occupi la corsia.

 

Con riferimento all’art. 143 del Codice della strada, la Suprema Corte ha ribadito che l'infrazione di una norma sulla circolazione stradale, pur potendo importare responsabilità ad altro titolo, non può di per sé dar luogo a responsabilità civile per un evento dannoso che non sia con essa in rapporto di causa ed effetto; infatti, l'individuazione della regola cautelare, anche nel caso di cautela specifica, non può prescindere dalla considerazione che la colpa non rappresenta la violazione di una qualsivoglia regola di prudenza o diligenza, ma solo della regola cautelare il cui scopo è quello di evitare il tipo di evento in concreto verificatosi.

 

Già la Cassazione penale aveva osservato che l'obbligo di circolare sulla parte destra della carreggiata e in prossimità del margine destro della medesima, anche quando la strada è libera, previsto dall'art. 143 cod. strada, ha la finalità di garantire un'andatura corretta e regolare nell'ambito della propria corsia di marcia per la tutela del veicolo procedente e degli altri che la percorrono, e non di evitare il rischio dell'improvvisa occupazione della corsia da parte di un veicolo proveniente dalla direzione opposta.

 

Il giudice, dunque, non dovrebbe inferire la misura del contributo del conducente del veicolo nella causazione del sinistro dal solo "posizionamento" del veicolo in prossimità della linea di mezzeria, ma deve accertare se costui, effettivamente, abbia mancato di effettuare (e per quali ragioni) eventuali manovre di emergenza per evitare collisioni con veicoli marcianti nel senso opposto.

In altri termini, non basta la riscontrata violazione degli artt. 141 e 143 cod. strada, potendo esservi delle ipotesi in cui l'inosservanza di una norma cautelare non comporti alcuna colpa ascrivibile all'agente in termini di responsabilità aquiliana, atteso che la qualificabilità del comportamento contrario a una norma cautelare in termini di colpa, rispetto a uno specifico evento, richiede in ogni caso il concreto riscontro di un nesso di causalità tra l'inosservanza della regola cautelare e lo specifico evento dannoso oggetto d'esame.

 

 

La nomina di un nipote quale erede universale può far presumere l’assenza di un vincolo affettivo con gli altri nipoti

Cassazione civile, sezione VI-3, ordinanza n. 10583 del 22 aprile 2021

 

Nell’ordinanza in commento la Corte di Cassazione si pronuncia in tema di danno da perdita del rapporto parentale, con particolare riferimento agli elementi indiziari idonei a fondare il convincimento del giudice circa la sussistenza di un vincolo affettivo tra la vittima ed i congiunti.

 

Nel caso di specie, gli attori avevano chiesto il risarcimento del danno patito sia iure proprio sia iure hereditatis per la perdita della zia, rimasta vittima in un incidente stradale. Dopo l’incidente, era deceduto altresì uno dei nipoti, segnatamente quello che la vittima aveva nominato erede universale. Ai nipoti ancora in vita, i giudici di merito avevano riconosciuto il diritto al risarcimento del danno iure hereditatis - quali eredi legittimi del proprio fratello - ma negato il risarcimento iure proprio, in quanto la nomina di un solo nipote quale erede universale non aveva indotto a ritenere l'esistenza di un legame affettivo con gli altri nipoti tale da radicare il diritto al risarcimento del danno.

 

Secondo la Suprema Corte, l'istituzione ad erede universale ben può assurgere a circostanza indiziaria atta a rafforzare il convincimento che vi fosse prova della ricorrenza di un legame solo tra [il nipote nominato erede] e la zia vittima dell'incidente e non anche tra quest'ultima e gli altri nipoti non menzionati nel testamento.

Per questo motivo, se i nipoti non hanno provveduto ad allegare circostanze tali da dimostrare, nemmeno a livello presuntivo, l'esistenza di un particolare vincolo affettivo con la vittima, non è possibile riconoscere in capo ad essi il diritto al risarcimento del danno iure proprio per la perdita della zia.

 

 

La responsabilità della casa farmaceutica in caso di sperimentazione di medicinali presso la struttura sanitaria

Cassazione civile, sezione III, sentenza n. 10348 del 20 aprile 2021

 

Con la sentenza in esame la Corte di Cassazione si pronuncia in merito alla responsabilità della casa farmaceutica per i danni subiti dai pazienti a seguito della somministrazione di medicinali nell’ambito di una sperimentazione clinica condotta presso una struttura sanitaria tramite i propri medici.


La Suprema Corte innanzitutto esclude la possibilità di fondare la responsabilità contrattuale della casa farmaceutica su un contatto sociale qualora il paziente abbia avuto contatti esclusivamente con la struttura sanitaria, in quanto tale opzione presupporrebbe l'accertamento di un rapporto diretto fra due soggetti (il "contatto", per l'appunto) che valga a far sorgere obblighi di condotta assimilabili a quelli derivanti dal contratto e che comporti una successiva valutazione in termini contrattuali dell'eventuale responsabilità conseguente alla prestazione svolta.

Prosegue la Corte enunciando che l'affermazione di una responsabilità (non "da contatto", ma propriamente) contrattuale può [...] conseguire soltanto all'accertamento dell'assunzione, da parte della [casa farmaceutica], di un'obbligazione nei confronti [del paziente] a seguito del suo reclutamento nel programma sperimentale; e ciò sia direttamente che indirettamente e, in questo secondo caso, a condizione che tale reclutamento risulti riferibile (oltreché alla struttura ospedaliera) anche alla casa farmaceutica.

 

Non è possibile presumere un rapporto di ausiliarietà fra medici sperimentatori e casa farmaceutica per il solo fatto che quest’ultima sia stata promotrice della sperimentazione, dovendosi accertare in concreto […] se vi sia stata partecipazione - anche mediata - della casa farmaceutica al reclutamento e alla gestione dei pazienti sottoposti alla cura sperimentale, tale da consentire di qualificare la struttura ospedaliera e i medici "sperimentatori" come ausiliari della prima.

 

In conclusione, la casa farmaceutica che abbia promosso, mediante la fornitura di un farmaco, una sperimentazione clinica - eseguita da una struttura sanitaria a mezzo dei propri medici - può essere chiamata a rispondere a titolo contrattuale dei danni sofferti dai soggetti cui sia stato somministrato il farmaco, a causa di un errore dei medici "sperimentatori", soltanto ove risulti, sulla base della concreta conformazione dell'accordo di sperimentazione, che la struttura ospedaliera e i suoi dipendenti abbiano agito quali ausiliari della casa farmaceutica, sì che la stessa debba rispondere del loro inadempimento (o inesatto adempimento) ai sensi dell'art. 1228 c.c.; in difetto, a carico della casa farmaceutica risulta predicabile soltanto una responsabilità extracontrattuale (ai sensi dell'artt. 2050 c.c. o, eventualmente, dell'art. 2043 c.c.), da accertarsi secondo le regole proprie della stessa.

 

 

Omessa informazione da parte del medico: il paziente deve dimostrare che, se fosse stato correttamente informato, avrebbe rifiutato l’intervento

Cassazione civile, sezione III, ordinanza n. 12593 del 12 maggio 2021

 

Nella sentenza in commento la Corte di Cassazione si pronuncia in tema di danno da omessa informazione da parte del medico nei confronti del paziente.

 

La Suprema Corte innanzitutto ricorda che la violazione, da parte del medico, del dovere di informare il paziente, può causare due diversi tipi di danni: un danno alla salute, sussistente quando sia ragionevole ritenere che il paziente, su cui grava il relativo onere probatorio, se correttamente informato, avrebbe evitato di sottoporsi all'intervento e di subirne le conseguenze invalidanti, nonché un danno da lesione dell'autodeterminazione in sé stesso, il quale sussiste quando, a causa del deficit informativo, il paziente abbia subito un pregiudizio, patrimoniale o non patrimoniale (ed, in quest'ultimo caso, di apprezzabile gravità), diverso dalla lesione del diritto alla salute.

 

Secondo i giudici di legittimità, con specifico riferimento all'ipotesi di intervento eseguito correttamente, dal quale siano tuttavia derivate conseguenze dannose per la salute, ove tale intervento non sia stato preceduto da un'adeguata informazione del paziente circa i possibili effetti pregiudizievoli, il medico può essere chiamato a risarcire il danno alla salute solo se il paziente dimostri, anche tramite presunzioni, che, se compiutamente informato, avrebbe verosimilmente rifiutato l'intervento.

 

In conclusione, come già affermato dalla giurisprudenza di legittimità (Cass., 23 marzo 2018, n. 7248), per il paziente è necessario allegare (e dimostrare) che, se correttamente informato, avrebbe scelto di non sottoporsi all'intervento, e ciò è necessario presupposto per il risarcimento del danno alla salute, indipendentemente dal fatto che la condotta medica sia stata colposa o meno.

 

 

Responsabilità da cose in custodia: il condominio risponde dei danni originati dalle parti comuni dell'edificio

Cassazione civile, sezione III, ordinanza n. 13595 del 19 maggio 2021

 

Nell'ordinanza in esame la Corte di Cassazione affronta il tema della responsabilità da cose in custodia del condominio, in un caso di decesso di un minore avvenuto nella piscina condominiale.

 

La Suprema Corte innanzitutto osserva che custodi sono tutti i soggetti - pubblici o privati - che hanno il possesso o la detenzione della cosa, in ragione della relativa disponibilità ed effettiva possibilità di controllo, cui fanno riscontro corrispondenti obblighi di vigilanza, controllo e diligenza, in base ai quali sono tenuti ad adottare tutte le misure idonee a prevenire ed impedire la produzione di danni a terzi, con lo sforzo adeguato alla natura e alla funzione della cosa e alle circostanze del caso concreto.

 

Ciò premesso, secondo i giudici di legittimità, la responsabilità da custodia è configurabile pure in capo al Condominio, obbligato ad adottare tutte le misure necessarie affinché le cose comuni non rechino pregiudizio ad alcuno, e pertanto responsabile dei danni originati da parti comuni dell'edificio e dagli accessori e pertinenze, ivi ricompresa (anche) la piscina condominiale.

Infatti, il Condominio, quale centro di imputazioni giuridiche destinatario di disposizioni normative attribuenti al medesimo la titolarità in via autonoma di specifiche posizioni giuridiche [...] è invero senz'altro un autonomo soggetto di diritto, distinto dagli associati. Che si qualifichi o meno persona giuridica, il Condominio ha un proprio patrimonio - costituito dal fondo comune - e una propria capacità sostanziale (negoziale ed extranegoziale) e processuale. In ragione di ciò, ricorrendone le condizioni di legge il Condominio risponde autonomamente (anche) quale custode ex art. 2051 c.c.

 

Di conseguenza, l'amministratore di Condominio, titolare [...] di un ufficio di diritto privato, esercita poteri direttamente conferitigli sia dalla legge che dal mandato collettivo dei condomini e ha il compito di provvedere non solo alla gestione e al controllo delle cose comuni ma anche alla relativa custodia, col conseguente obbligo di vigilare affinché le stesse non rechino danni a terzi o agli stessi condomini.

 

 

Il danneggiato dal reato può richiedere il risarcimento anche se non riveste il ruolo di “persona offesa”

Cassazione civile, sezione VI-3, ordinanza n. 14453 del 26 maggio 2021

 

Nell’ordinanza in commento la Corte di Cassazione si pronuncia in merito alla risarcibilità del danno non patrimoniale nei confronti di un soggetto che, pur non rivestendo il ruolo di “persona offesa” dal reato, abbia comunque patito un danno a causa dello stesso.

 

Nel caso di specie veniva proposta, nei confronti di una guardia medica, domanda di risarcimento del danno morale sofferto da un paziente a causa del rifiuto opposto dalla stessa a fronte della richiesta di una visita domiciliare, nonostante i riferiti sintomi di un malore che, successivamente, al pronto soccorso, risultò essere un infarto al miocardio, risoltosi fortunatamente bene.

La Corte d’appello aveva rigettato la domanda, sostenendo, in primo luogo, che il fatto-reato (nella specie, rifiuto di atti d’ufficio ex art. 328 c.p.) non avesse leso l'integrità psicofisica del paziente e quindi non fosse idoneo a costituire fatto illecito in senso civilistico; in secondo luogo, che il malato non fosse, tecnicamente, “persona offesa” dal reato.

 

La Suprema Corte disattende tale ricostruzione. Per quanto riguarda il primo argomento, si rileva che la risarcibilità del danno non patrimoniale sussiste in quanto il fatto illecito commesso nei confronti del danneggiato è astrattamente configurabile come reato e lede un interesse della persona tutelato dall’ordinamento, ancorché privo di rilevanza costituzionale.

 

Per quanto riguarda il secondo argomento, secondo la Cassazione, la persona offesa dal reato dev’essere tenuta distinta dal soggetto danneggiato dallo stesso: la persona offesa è esclusivamente il soggetto titolare del bene giuridico protetto (o dell'interesse tutelato) che, nell’ipotesi di cui all'art. 328 c.p., è esclusivamente il buon andamento della pubblica amministrazione e, segnatamente, il suo regolare funzionamento nella fase di realizzazione dei suoi compiti istituzionali, per cui la persona offesa è esclusivamente la P.A. Il soggetto danneggiato dal reato è, invece, ogni soggetto che dal reato nel caso concreto abbia subito un danno. Ne consegue che l'individuazione della persona offesa non esaurisce l'individuazione di ogni possibile danneggiato civile dal reato, dovendo quest'ultimo essere accertato con riferimento al caso concreto.

 

In conclusione, il fatto che non sia persona offesa non esclude comunque che colui che è stato danneggiato dal reato possa richiedere il risarcimento dei danni, patrimoniali e non patrimoniali.

 

 

Al medico obiettore che si rifiuta di eseguire l’ecografia successiva all’aborto è ascrivibile il reato di rifiuto di atti d’ufficio

Cassazione penale, sezione VI, sentenza n. 18901 del 13 maggio 2021

 

Con la sentenza in esame la Corte di Cassazione è chiamata a pronunciarsi in merito alla possibilità per il medico di appellarsi all’obiezione di coscienza in relazione ad atti del proprio ufficio non strettamente collegati all’interruzione della gravidanza.

 

Nel caso di specie, la Corte d’appello aveva confermato la sentenza di condanna per il reato di cui all'art. 328 c.p., co. 1 (rifiuto di atti d’ufficio) nei confronti di un ginecologo di un ospedale pubblico, per essersi rifiutato, esercitando il diritto di obiezione di coscienza, di eseguire un’ecografia di controllo preliminare alla dimissione di due pazienti che avevano ultimato la procedura di interruzione volontaria di gravidanza.

 

La Suprema Corte osserva che l’art. 9 della L. n. 194 del 1978 esonera il medico obiettore dal partecipare alla procedura di interruzione della gravidanza solo in relazione alle attività "specificamente e necessariamente dirette a determinare l'interruzione della gravidanza" e non anche per quelle di assistenza ovvero per quelle strumentali, come nel caso di specie, non a determinare l'interruzione della gravidanza ma a verificare se l'interruzione vi sia stata ed ad accertare che non vi siano rischi per le condizioni cliniche e di salute della donna. Il medico può solo rifiutarsi di causare l'aborto, chirurgicamente o farmacologicamente, ma non anche di prestare assistenza.

Dunque, il diritto di obiezione non esonera il medico dall'intervenire durante l'intero procedimento di interruzione volontaria della gravidanza, in quanto si tratta di interpretazione che obiettivamente non trova conferma nel dato normativo.

 

I giudici di legittimità sostengono che la doverosa assistenza successiva alla somministrazione dei farmaci è certamente parte del procedimento di interruzione della gravidanza, ma non è finalizzata alla interruzione di questa e prescinde del tutto dalla presenza di una situazione di pericolo per la vita della paziente. Infatti, nell'aborto indotto per via farmacologica, la fase rispetto alla quale opera l'esonero da obiezione di coscienza è limitata alle sole pratiche di predisposizione e somministrazione dei farmaci abortivi, coincidenti con quelle procedure e attività specificamente e necessariamente dirette a determinare l'interruzione, mentre per il resto il medico ha l'obbligo di assicurare le cure.

 

 

La sopravvenienza di fattori esterni non esclude la responsabilità colposa del personale sanitario titolare di una posizione di garanzia

Cassazione penale, sezione IV, sentenza n. 16132 del 28 aprile 2021

 

Nella sentenza in commento la Corte di Cassazione affronta il tema dell’incidenza di fattori sopravvenuti e indipendenti dalla volontà del reo, qualora questi sia titolare di una posizione di garanzia.

 

Nel caso di specie, i giudici di merito avevano condannato un’infermiera ed un’operatrice socio sanitaria, dipendenti di una RSA, per non essersi avvedute delle ingravescenti condizioni di salute di una paziente ospite della struttura e per aver omesso le dovute informazioni al medico o ai responsabili, cagionandole lesioni personali gravi.

Le due imputate avevano proposto ricorso in Cassazione sostenendo che i giudici avrebbero dovuto tener conto della ridotta presenza di personale rispetto al numero eccessivo e fuori regola dei ricoverati e quindi dell’inadeguatezza dell’organico della struttura, nonché del decadimento repentino ed imprevedibile delle condizioni della paziente.

 

La Suprema Corte ha innanzitutto premesso che, come tutti gli operatori di una struttura sanitaria, quale e` una R.S.A., l'infermiere – e valga anche per l'operatore sanitario – e` ex lege portatore di una posizione di garanzia, espressione dell'obbligo di solidarietà, costituzionalmente imposto dagli artt. 2 e 32 Cost., nei confronti dei pazienti/degenti, la cui salute egli deve tutelare contro qualsivoglia pericolo che ne minacci l'integrità, e che tale obbligo di protezione perdura per l'intero tempo del turno di lavoro.

 

Secondo i giudici di legittimità, una volta acclarata la posizione di garanzia ricoperta dall'autore del fatto, eventuali ulteriori condotte o fattori che si innestino nel meccanismo causale sono di regola irrilevanti. Al riguardo, la Cassazione richiama l’ormai consolidato principio secondo cui, in caso di condotte colpose indipendenti, non può invocare il principio di affidamento l'agente che non abbia osservato una regola precauzionale su cui si innesti l'altrui condotta colposa, poiché la sua responsabilità persiste in base al principio di equivalenza delle cause, salva l'affermazione dell'efficacia esclusiva della causa sopravvenuta, che presenti il carattere di eccezionalità e imprevedibilità.

 

 

Prelievo del sangue al conducente: la prova dell’avviso circa l’assistenza di un difensore non deve necessariamente trarsi dal verbale

Cassazione penale, sezione IV, sentenza n. 18349 del 12 maggio 2021

 

Nella sentenza in commento la Corte di Cassazione affronta il tema delle garanzie difensive che devono essere riconosciute al conducente di un mezzo coinvolto in un sinistro stradale nel momento in cui viene accompagnato in ospedale per essere sottoposto al prelievo di sangue volto ad accertarne lo stato di ebbrezza.

 

La Suprema Corte ribadisce l’ormai consolidato orientamento per cui sussiste l'obbligo di avvertire l'interessato della facoltà di avvalersi di un difensore sia nel caso di ricovero per cure mediche, purché il prelievo non sia strettamente necessario alle cure ma sia proposto su richiesta della Polizia Giudiziaria esclusivamente per finalità di ricerca della prova, sia nel caso in cui la Polizia Giudiziaria abbia richiesto l'effettuazione di un prelievo ematico presso una struttura sanitaria ai fini dell'accertamento del tasso alcolemico. In simili ipotesi, il personale sanitario finisce per agire come vera e propria longa manus della polizia giudiziaria e, rispetto a tale accertamento, scattano le garanzie difensive sottese all'avviso di cui all'art. 114 del codice di procedura penale.

 

Inoltre, sempre secondo la Cassazione, la prova dell'avviso di cui all'art. 114 disp. att. c.p.p. non deve essere offerta esclusivamente in base al contenuto del verbale di cui all'art. 357 c.p.p., in cui, secondo quanto stabilito dall'art. 115 disp. att. c.p.p., l'annotazione di tale adempimento non è prescritta. Peraltro, l'obbligo di redazione degli atti indicati dall'art. 357, comma 2, c.p.p., tra i quali rientrano le operazioni e gli accertamenti urgenti, nelle forme previste dall'art. 373 c.p.p., non è previsto a pena di nullità od inutilizzabilità, con la conseguenza che l'unico profilo sul quale può operare la valutazione giudiziale concerne l'attendibilità della testimonianza degli operatori della polizia giudiziaria in merito a quanto dagli stessi direttamente percepito nell'immediatezza dei fatti ma non verbalizzato, anche in relazione alle ragioni della omessa verbalizzazione.

 

 

Il pedone che attraversa la strada fuori dalle strisce pedonali è un ostacolo prevedibile

Cassazione penale, sezione IV, sentenza n. 20912 del 27 maggio 2021

 

Nella sentenza in esame la Corte di Cassazione si pronuncia in merito alla responsabilità del conducente di un veicolo in caso di investimento di un pedone mentre questi attraversa la strada al di fuori delle strisce pedonali.

 

La Suprema Corte ricorda che il principio di affidamento, ossia il poter contare sulla correttezza del comportamento di altri, nell’ambito della circolazione stradale riduce i suoi margini in ragione della diffusività del pericolo, che impone un corrispondente ampliamento della responsabilità in relazione alla prevedibilità del comportamento scorretto od irresponsabile di altri agenti.

Tale principio trova un temperamento nell'opposto principio secondo il quale l'utente della strada e` responsabile anche del comportamento imprudente altrui purché questo rientri nel limite della prevedibilità [...] tanto che l'obbligo di moderare adeguatamente la velocita`, in relazione alle caratteristiche del veicolo ed alle condizioni ambientali, va inteso nel senso che il conducente deve essere in grado di padroneggiare il veicolo in ogni situazione.

 

Per la Cassazione, ciò che va valutato, nella specifica situazione di fatto, e` la ragionevole prevedibilità della condotta della vittima, ma anche la possibilità di porre in essere la manovra di emergenza necessaria ad evitare l'evento, per il caso del concretizzarsi del pericolo temuto, dovuto al comportamento imprudente o negligente altrui, cosi` come alla violazione delle norme di circolazione da parte della vittima o di terzi.

 

I giudici di legittimità osservano che sia l'art. 141 che l’art. 145 del Codice della strada impongono comportamenti la cui violazione rileva sempre, anche in termini di colpa generica, inerendo alla diligenza ed alla prudenza nella guida di veicoli.

Su questi presupposti, fra gli ostacoli prevedibili ben può esservi ricompreso il pedone che attraversa la strada in un punto privo di strisce pedonali, nelle vicinanze della stazione degli autobus, avuto riguardo del traffico pedonale solitamente presente in quel punto. Inoltre, in una simile situazione, la velocita` deve essere costantemente proporzionata allo spazio corrispondente al campo di visibilità al fine di consentire al conducente l'esecuzione utile della manovra di arresto, considerato il tempo psicotecnico di reazione, che deve essere tenuto in conto dal conducente, per l'ipotesi in cui si profili un ostacolo improvviso.

File allegati
 
 

0 Commenti aggiunti

Lascia un messaggio

Lascia un messaggio. Tutti i campi contrassegnati con * sono obbligatori.




  • file

  • Mod. ICONT – Data Agg. 17/12/2021

    Informativa per il trattamento dei dati personali
     

    Ai sensi dell’Art. n. 13 del REGOLAMENTO EUROPEO N. 679/2016
     

    Gentile Interessato,

    STUDIO LEGALE LOCATELLI in qualità di Titolare del trattamento dei dati ai sensi dell’art. n. 13 del Regolamento Europeo n. 679/2016 “General Data Protection Regulation (GDPR)” (d’ora innanzi Regolamento UE), recante disposizioni in materia di trattamento dei dati personali, intende informala in merito al trattamento dei Suoi dati personali.

    La norma prevede che chiunque effettui trattamenti di dati personali è tenuto ad informare il soggetto interessato in relazione ai dati trattati e agli elementi qualificanti il trattamento, che deve in ogni caso avvenire in maniera lecita, corretta e trasparente, nonché tutelare la riservatezza e garantire i diritti del soggetto interessato.

    Si precisa che per trattamento dei dati s’intende qualsiasi operazione o complesso di operazioni concernenti la raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, consultazione, elaborazione, modifica, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, distruzione dei dati stessi.
     

    1.Titolare del trattamento dei dati

    Il Titolare del trattamento dei dati è Studio Legale Locatelli, con sede legale e operativa in Galleria A. De Gasperi 4 – 35131 Padova (PD), e altra sede operativa in Via Tagliamento 83 – 33038 San Daniele del Friuli (UD), C.F. LCTLNZ61M24F205O e P. IVA. 02174360285, contattabile ai seguenti recapiti: telefono +39 049 663612, e-mail: info@studiolocatelli.it.

     

    2. Natura dei dati Trattati, Finalità e Base giuridica del trattamento

    Natura dei dati trattati. In relazione alle finalità del trattamento sotto riportate si informa che saranno trattatati unicamente “dati personali comuni” quali, ad esempio:

    • dati identificativi (nome, cognome, recapito telefonico,
      e-mail, etc.);

     

    Finalità del trattamento. I suoi dati personali saranno trattati per le seguenti finalità:

    1. dare riscontro alle sue richieste: mediante compilazione, volontaria, dell’apposito form che trova in questa area contatti;
    2. adempiere ad obblighi di legge;

     

    Base giuridica del trattamento. I dati personali, per le finalità di cui al punto 2A e 2B saranno trattati lecitamente per adempiere ad obblighi precontrattuali e contrattuali tra noi e l’utente (art.6, par.1 lett. b), per adempiere ai nostri obblighi legali (art.6 par.1 lett. c).

    Il consenso da Lei prestato potrà essere revocato in qualsiasi momento, senza pregiudicare la liceità del trattamento basato sul consenso prestato prima della revoca (art.7 parag.3 Regolamento UE)

    Inoltre, si informa l’interessato, che ai sensi dell’art. 21 del Regolamento UE, l'interessato ha il diritto di opporsi in qualsiasi momento al trattamento dei dati personali che lo riguardano effettuato per le finalità di marketing diretto (compresa la profilazione) e che, qualora l'interessato si opponga al trattamento, i dati personali non potranno più essere oggetto di trattamento per tali finalità.
     

    3.Destinatari dei dati e Modalità di trattamento

    Il trattamento dei Suoi dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e potrà essere effettuato mediante strumenti cartacei ed  elettronici sia dal personale dell’Azienda scrivente, autorizzato/incaricato al trattamento dei dati personali, sia da soggetti esterni chiamati a svolgere specifici incarichi, per conto del Titolare del trattamento, in qualità di Responsabili del trattamento, ai sensi dell’art. 28 Regolamento UE, previa nostra lettera di incarico che imponga loro il dovere di riservatezza e sicurezza del trattamento dei dati personali, e l’adozione di misure di sicurezza idonee per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti e non corretti, ed accessi non autorizzati, nel rispetto delle vigenti disposizioni in materia di tutela dei dati personali.

    Per brevità la lista dettagliata di tali figure è disponibile presso la sede del Titolare del trattamento ed è a Sua disposizione.

    I suoi dati personali non saranno diffusi e non saranno trasferiti verso paesi terzi o organizzazioni internazionali, non saranno comunicati a terzi tranne che per obblighi di legge o di contratto
     

    4. Tempi di conservazione dei dati

    I suoi dati personali saranno conservati per un arco di tempo non superiore al conseguimento delle finalità per i quale sono trattati, nel rispetto del principio di limitazione della conservazione previsto dal Regolamento UE e/o per il tempo necessario per obblighi di legge e di contratto o fino a che non intervenga la revoca del consenso specifico da parte dell’interessato e, quindi

      • con riferimento alle finalità indicate nei punti 2A-2B, i dati verranno conservati per il tempo non superiore al conseguimento delle finalità per i quale sono trattati e/o per il tempo strettamente necessario per l’espletamento degli obblighi di legge e di contratto;

    A garanzia dei tempi di conservazione dichiarati è previsto che sia effettuata una verifica periodica a cadenza annuale sui dati trattati e sulla possibilità di poterli cancellare se non più necessari per le finalità previste.
     

    5. Conseguenze della mancata comunicazione dei dati

    I dati personali di cui ai punti 2A-2B della presente informativa sono necessari, senza tali dati ci sarebbe impossibile procedere alla registrazione (creazione del Suo account personale), adempiere agli obblighi contrattuali e di legge.
     

    6. Diritti dell’interessato

    Nella Sua qualità di interessato, ha i diritti di cui agli articoli da n. 15 a n. 22 del Regolamento UE di seguito riportati e precisamente ha il diritto ad:

    • ottenere la conferma dell’esistenza e del trattamento di dati personali che lo riguardano e in tal caso, ottenere l’accesso ai suoi dati (cd. diritto di accesso);
    • ottenere le indicazioni circa le finalità del trattamento, le categorie dei dati in questione, i destinatari o le categorie di destinatari cui i dati sono stati o saranno comunicati, in particolare se destinatari di paesi terzi o organizzazioni internazionali, il periodo di conservazione dei dati previsto o i criteri utilizzati per determinare tale periodo; e qualora i dati non siano raccolti presso l’interessato, ottenere tutte le informazioni disponibili sulla loro origine;
    • ottenere la rettifica dei dati che lo riguardano (cd. diritto di rettifica)
    • ottenere la cancellazione dei dati che lo riguardano (cd. diritto all’oblio);
    • ottenere le limitazioni del trattamento (cd. diritto di limitazione di trattamento);
    • ottenere la portabilità dei dati, ossia riceverli da un titolare del trattamento in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico e trasmetterli ad altro titolare del trattamento senza impedimenti (cd. diritto alla portabilità dei dati);
    • opporsi al trattamento in qualsiasi momento (cd. diritto di opposizione). Si informa specificatamente, come richiesto dall’art. 21 del Regolamento UE, che qualora i dati personali siano trattati per finalità di marketing diretto (compresa la profilazione), l'interessato ha il diritto di opporsi in qualsiasi momento al trattamento dei dati personali che lo riguardano effettuato per tali finalità e che qualora l'interessato si opponga al trattamento per finalità di marketing diretto, i dati personali non potranno più essere oggetto di trattamento per tali finalità;
    • essere messo a conoscenza (con la possibilità di opporsi) dell’esistenza di un processo decisionale automatizzato relativo alle persone fisiche, compresa la profilazione;
    • revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca;
    • proporre reclamo a un’autorità di controllo (Garante per la Protezione dei Dati Personali).

    Si precisa che potrebbero esserci condizioni o limitazioni ai diritti dell’interessato. Non è quindi certo che, ad esempio, si abbia il diritto di portabilità dei dati in tutti i casi, ciò dipende dalle circostanze specifiche dell'attività di elaborazione.

    Altro esempio: nel caso Lei decida di opporsi al trattamento dei dati, il Titolare del trattamento ha diritto di valutare la Sua istanza, che potrebbe non essere accettata in caso di esistenza di motivi legittimi cogenti per procedere al trattamento che prevalgano sui Suoi interessi, diritti e libertà.
     

    7. Modalità di esercizio dei diritti

    Senza formalità alcuna Lei potrà in qualsiasi momento esercitare i Suoi diritti in modo chiaro ed esplicito inviando:

    - una raccomandata A.R. alla scrivente (vedere l’indirizzo indicato nella carta intestata);

    - una e-mail all’indirizzo info@studiolocatelli.it.

    Oppure contattando direttamente il Titolare del trattamento al numero: +39 049 663612.
     

    8. Minori

    Quanto offerto dal Titolare del trattamento ed oggetto del rapporto con Lei in essere non prevede l’acquisizione intenzionale di informazioni personali riferite ai minori. Nel caso in cui informazioni su minori fossero involontariamente registrate, il Titolare del trattamento le cancellerà in modo tempestivo, su richiesta o segnalazione dell’interessato.
     

    9. D.P.O. (R.P.D.) – Incaricati/Autorizzati – Responsabili del trattamento

    Di seguito le forniamo alcune informazioni che è necessario portare alla sua conoscenza, non solo per ottemperare agli obblighi di legge, ma anche perché la trasparenza e la correttezza nei confronti degli Interessati è parte fondante della nostra attività.
     

    D.P.O. (Data Protection Officer) – R.P.D. (Responsabile delle Protezione dei Dati). Potrà inoltre rivolgersi al Responsabile della Protezione dei Dati per avere informazioni e inoltrare richieste circa i suoi dati o per segnalare disservizi o qualsiasi problema eventualmente riscontrato.

    Il Titolare del trattamento ha nominato Responsabile della Protezione dei Dati il Sig. Nicola Ghinello che potrà contattare ai seguenti recapiti: telefono +39 348 3165267, e-mail: nicola.ghinello@dpo-rpd.com.

    Incaricati/Autorizzati. L’elenco aggiornato degli incaricati/Autorizzati al trattamento è custodito presso la sede del Titolare del trattamento.
     

    Responsabili del trattamento.

    Per brevità la lista dettagliata di tali figure è disponibile presso la nostra sede.

     

Mod. ICONT – Data Agg. 17/12/2021

Informativa per il trattamento dei dati personali
 

Ai sensi dell’Art. n. 13 del REGOLAMENTO EUROPEO N. 679/2016
 

Gentile Interessato,

STUDIO LEGALE LOCATELLI in qualità di Titolare del trattamento dei dati ai sensi dell’art. n. 13 del Regolamento Europeo n. 679/2016 “General Data Protection Regulation (GDPR)” (d’ora innanzi Regolamento UE), recante disposizioni in materia di trattamento dei dati personali, intende informala in merito al trattamento dei Suoi dati personali.

La norma prevede che chiunque effettui trattamenti di dati personali è tenuto ad informare il soggetto interessato in relazione ai dati trattati e agli elementi qualificanti il trattamento, che deve in ogni caso avvenire in maniera lecita, corretta e trasparente, nonché tutelare la riservatezza e garantire i diritti del soggetto interessato.

Si precisa che per trattamento dei dati s’intende qualsiasi operazione o complesso di operazioni concernenti la raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, consultazione, elaborazione, modifica, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, distruzione dei dati stessi.
 

1.Titolare del trattamento dei dati

Il Titolare del trattamento dei dati è Studio Legale Locatelli, con sede legale e operativa in Galleria A. De Gasperi 4 – 35131 Padova (PD), e altra sede operativa in Via Tagliamento 83 – 33038 San Daniele del Friuli (UD), C.F. LCTLNZ61M24F205O e P. IVA. 02174360285, contattabile ai seguenti recapiti: telefono +39 049 663612, e-mail: info@studiolocatelli.it.

 

2. Natura dei dati Trattati, Finalità e Base giuridica del trattamento

Natura dei dati trattati. In relazione alle finalità del trattamento sotto riportate si informa che saranno trattatati unicamente “dati personali comuni” quali, ad esempio:

  • dati identificativi (nome, cognome, recapito telefonico,
    e-mail, etc.);

 

Finalità del trattamento. I suoi dati personali saranno trattati per le seguenti finalità:

  1. dare riscontro alle sue richieste: mediante compilazione, volontaria, dell’apposito form che trova in questa area contatti;
  2. adempiere ad obblighi di legge;

 

Base giuridica del trattamento. I dati personali, per le finalità di cui al punto 2A e 2B saranno trattati lecitamente per adempiere ad obblighi precontrattuali e contrattuali tra noi e l’utente (art.6, par.1 lett. b), per adempiere ai nostri obblighi legali (art.6 par.1 lett. c).

Il consenso da Lei prestato potrà essere revocato in qualsiasi momento, senza pregiudicare la liceità del trattamento basato sul consenso prestato prima della revoca (art.7 parag.3 Regolamento UE)

Inoltre, si informa l’interessato, che ai sensi dell’art. 21 del Regolamento UE, l'interessato ha il diritto di opporsi in qualsiasi momento al trattamento dei dati personali che lo riguardano effettuato per le finalità di marketing diretto (compresa la profilazione) e che, qualora l'interessato si opponga al trattamento, i dati personali non potranno più essere oggetto di trattamento per tali finalità.
 

3.Destinatari dei dati e Modalità di trattamento

Il trattamento dei Suoi dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e potrà essere effettuato mediante strumenti cartacei ed  elettronici sia dal personale dell’Azienda scrivente, autorizzato/incaricato al trattamento dei dati personali, sia da soggetti esterni chiamati a svolgere specifici incarichi, per conto del Titolare del trattamento, in qualità di Responsabili del trattamento, ai sensi dell’art. 28 Regolamento UE, previa nostra lettera di incarico che imponga loro il dovere di riservatezza e sicurezza del trattamento dei dati personali, e l’adozione di misure di sicurezza idonee per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti e non corretti, ed accessi non autorizzati, nel rispetto delle vigenti disposizioni in materia di tutela dei dati personali.

Per brevità la lista dettagliata di tali figure è disponibile presso la sede del Titolare del trattamento ed è a Sua disposizione.

I suoi dati personali non saranno diffusi e non saranno trasferiti verso paesi terzi o organizzazioni internazionali, non saranno comunicati a terzi tranne che per obblighi di legge o di contratto
 

4. Tempi di conservazione dei dati

I suoi dati personali saranno conservati per un arco di tempo non superiore al conseguimento delle finalità per i quale sono trattati, nel rispetto del principio di limitazione della conservazione previsto dal Regolamento UE e/o per il tempo necessario per obblighi di legge e di contratto o fino a che non intervenga la revoca del consenso specifico da parte dell’interessato e, quindi

    • con riferimento alle finalità indicate nei punti 2A-2B, i dati verranno conservati per il tempo non superiore al conseguimento delle finalità per i quale sono trattati e/o per il tempo strettamente necessario per l’espletamento degli obblighi di legge e di contratto;

A garanzia dei tempi di conservazione dichiarati è previsto che sia effettuata una verifica periodica a cadenza annuale sui dati trattati e sulla possibilità di poterli cancellare se non più necessari per le finalità previste.
 

5. Conseguenze della mancata comunicazione dei dati

I dati personali di cui ai punti 2A-2B della presente informativa sono necessari, senza tali dati ci sarebbe impossibile procedere alla registrazione (creazione del Suo account personale), adempiere agli obblighi contrattuali e di legge.
 

6. Diritti dell’interessato

Nella Sua qualità di interessato, ha i diritti di cui agli articoli da n. 15 a n. 22 del Regolamento UE di seguito riportati e precisamente ha il diritto ad:

  • ottenere la conferma dell’esistenza e del trattamento di dati personali che lo riguardano e in tal caso, ottenere l’accesso ai suoi dati (cd. diritto di accesso);
  • ottenere le indicazioni circa le finalità del trattamento, le categorie dei dati in questione, i destinatari o le categorie di destinatari cui i dati sono stati o saranno comunicati, in particolare se destinatari di paesi terzi o organizzazioni internazionali, il periodo di conservazione dei dati previsto o i criteri utilizzati per determinare tale periodo; e qualora i dati non siano raccolti presso l’interessato, ottenere tutte le informazioni disponibili sulla loro origine;
  • ottenere la rettifica dei dati che lo riguardano (cd. diritto di rettifica)
  • ottenere la cancellazione dei dati che lo riguardano (cd. diritto all’oblio);
  • ottenere le limitazioni del trattamento (cd. diritto di limitazione di trattamento);
  • ottenere la portabilità dei dati, ossia riceverli da un titolare del trattamento in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico e trasmetterli ad altro titolare del trattamento senza impedimenti (cd. diritto alla portabilità dei dati);
  • opporsi al trattamento in qualsiasi momento (cd. diritto di opposizione). Si informa specificatamente, come richiesto dall’art. 21 del Regolamento UE, che qualora i dati personali siano trattati per finalità di marketing diretto (compresa la profilazione), l'interessato ha il diritto di opporsi in qualsiasi momento al trattamento dei dati personali che lo riguardano effettuato per tali finalità e che qualora l'interessato si opponga al trattamento per finalità di marketing diretto, i dati personali non potranno più essere oggetto di trattamento per tali finalità;
  • essere messo a conoscenza (con la possibilità di opporsi) dell’esistenza di un processo decisionale automatizzato relativo alle persone fisiche, compresa la profilazione;
  • revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca;
  • proporre reclamo a un’autorità di controllo (Garante per la Protezione dei Dati Personali).

Si precisa che potrebbero esserci condizioni o limitazioni ai diritti dell’interessato. Non è quindi certo che, ad esempio, si abbia il diritto di portabilità dei dati in tutti i casi, ciò dipende dalle circostanze specifiche dell'attività di elaborazione.

Altro esempio: nel caso Lei decida di opporsi al trattamento dei dati, il Titolare del trattamento ha diritto di valutare la Sua istanza, che potrebbe non essere accettata in caso di esistenza di motivi legittimi cogenti per procedere al trattamento che prevalgano sui Suoi interessi, diritti e libertà.
 

7. Modalità di esercizio dei diritti

Senza formalità alcuna Lei potrà in qualsiasi momento esercitare i Suoi diritti in modo chiaro ed esplicito inviando:

- una raccomandata A.R. alla scrivente (vedere l’indirizzo indicato nella carta intestata);

- una e-mail all’indirizzo info@studiolocatelli.it.

Oppure contattando direttamente il Titolare del trattamento al numero: +39 049 663612.
 

8. Minori

Quanto offerto dal Titolare del trattamento ed oggetto del rapporto con Lei in essere non prevede l’acquisizione intenzionale di informazioni personali riferite ai minori. Nel caso in cui informazioni su minori fossero involontariamente registrate, il Titolare del trattamento le cancellerà in modo tempestivo, su richiesta o segnalazione dell’interessato.
 

9. D.P.O. (R.P.D.) – Incaricati/Autorizzati – Responsabili del trattamento

Di seguito le forniamo alcune informazioni che è necessario portare alla sua conoscenza, non solo per ottemperare agli obblighi di legge, ma anche perché la trasparenza e la correttezza nei confronti degli Interessati è parte fondante della nostra attività.
 

D.P.O. (Data Protection Officer) – R.P.D. (Responsabile delle Protezione dei Dati). Potrà inoltre rivolgersi al Responsabile della Protezione dei Dati per avere informazioni e inoltrare richieste circa i suoi dati o per segnalare disservizi o qualsiasi problema eventualmente riscontrato.

Il Titolare del trattamento ha nominato Responsabile della Protezione dei Dati il Sig. Nicola Ghinello che potrà contattare ai seguenti recapiti: telefono +39 348 3165267, e-mail: nicola.ghinello@dpo-rpd.com.

Incaricati/Autorizzati. L’elenco aggiornato degli incaricati/Autorizzati al trattamento è custodito presso la sede del Titolare del trattamento.
 

Responsabili del trattamento.

Per brevità la lista dettagliata di tali figure è disponibile presso la nostra sede.

Per offrirti il miglior servizio possibile Studio Legale Locatelli utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.  -   Normativa sui cookie  -   Autorizzo